I prestiti di Samir

60

MAROCCO – Rabat 19/01/2014. La marocchina Refining Industry Company (Samir), ha annunciato la firma di un finanziamento di 200 milioni di dollari, per un periodo di due anni, con diverse banche internazionali e compagnie petrolifere.

Il contratto è stato firmato con la Standard Chartered, la Dubai Bank, con il supporto di BP Oil International di Londra, si legge in un comunicato di Samir, aggiungendo che l’importo della transazione è stata già trasferito nei conti della società il 7 gennaio scorso. L’azienda marocchina aveva iniziato, nella seconda metà del 2013, delle trattative con diverse banche e compagnie petrolifere internazionali per raccogliere 500 milioni di dollari per migliorare il flusso di cassa della società teso a garantire l’approvvigionamento di materie prime, accelerare i rimborsi di prestiti nazionali e firmare contratti di esportazione con le compagnie petrolifere internazionali in un contesto caratterizzato da forte concorrenza.