MAROCCO. Rabat si rafforza nell’America Latina

71

Il Marocco ha attribuito particolare importanza al rafforzamento dei legami con i paesi dell’America latina e centrale, ottenendo un sostegno prezioso per la causa nazionale del Sahara e rafforzando gli scambi commerciali e gli investimenti. Recentemente il ministro degli Esteri Nasser Bourita ha visitato Santo Domingo. Durante la visita, il ministro marocchino ha firmato due accordi con il suo omologo dominicano Miguel Vargas Maldonado, aprendo prospettive promettenti per gli scambi bilaterali e gli investimenti e ha incontrato il presidente della Repubblica Danilo Medina.

Come riporta North Africa Post, i due paesi hanno inoltre firmato un accordo di esenzione dal visto per i turisti e gli uomini d’affari che facilitano il soggiorno dei rispettivi cittadini per un periodo massimo di due mesi, rinnovabile per lo stesso periodo.

In una dichiarazione congiunta, la Repubblica dominicana ha ribadito la sua ferma posizione a sostegno dell’integrità territoriale e della sovranità del Marocco sul Sahara e degli sforzi del Marocco per trovare una soluzione duratura alla controversia regionale. I due paesi hanno anche sottolineato la necessità di sostenere il multilateralismo e il ruolo dell’Onu nella gestione di questioni globali come il disarmo e la non proliferazione, il rispetto dei diritti umani e la protezione dell’ambiente.

La visita è stata fatta pochi giorni dopo che il Marocco e i parlamentari brasiliani hanno istituito un gruppo di amicizia parlamentare che sottolinea decenni di fruttuosa cooperazione politica ed economica.

Allo stesso modo, El Salvador è stato l’ultimo di una serie di paesi latinoamericani che hanno ritirato il riconoscimento al fronte Polisario. Il ministero degli esteri del paese latinoamericano ha annunciato all’inizio di questo mese che stava rivedendo il suo riconoscimento del Polisario; ritirando il riconoscimento del Polisario, El Salvador sarà sulle orme di altri paesi latinoamericani come Cile, Argentina, Colombia, Brasile e Paraguay.

Negli ultimi anni, il sostegno alla tesi separatista nel Sahara marocchino è diminuito, poiché 43 paesi hanno ritirato il loro riconoscimento su 80 che l’avevano precedentemente riconosciuta in un contesto di Guerra fredda.

Lucia Giannini