ISIS pronta a colpire in Marocco

52

MAROCCO – Casablanca. 16/07/14. Il ministro degli Interni ieri ha relazionato in Parlamento sulla minaccia terroristica in Marocco. «Il pericolo viene preso sul serio», ha riferito mohamed Hassad, «si tratta di un elemento strutturale che durerà per anni».

In attuazione della strategia, l’intelligenza occupa un posto speciale, con un ampio coordinamento a livello locale, nazionale e internazionale. Oltre alla mobilitazione di “Walis” e dei governatori, il ministro dell’Interno ha annunciato il rafforzamento della sorveglianza e del controllo negli aeroporti e nei porti. Ai confini orientali, il governo sta tessendo una maglia per evitare infiltrazioni terroristiche. Approfittando della sua apparizione davanti alla Camera dei Rappresentanti, Mohamed Assad ha fornito una panoramica sulla presenza dei marocchini in gruppi terroristici. Così, ci sono stati 1.122 marocchini parti in Siria e in Iraq. Con quelli provenienti da paesi europei, il numero sale a tra 1.500 e 2.000 persone, ha detto il ministro. Il reclutamento in questo movimento sta crescendo di giorno in giorno. Le truppe di questa organizzazione terroristica provengono da diversi paesi come la Gran Bretagna, gli Stati Uniti, Francia, Germania, Belgio e Olanda. Gruppi dall’Algeria, Libia, Mali condividono la stessa ideologia ISIS. È inoltre alimentata dalla situazione della sicurezza nel Sahel. Per avvertire che non era un dietrofront, Mohamed Hassad ha riferito che «200 marocchini sono morti lì. Che comporta il rischio di morte del 20%», ha detto. Allo stesso modo, altri 128 persone sono state restituite al Marocco. Essi sono incarcerati e sono interrogati per scoprire le ragioni che li hanno indotti ad andare a combattere in questa regione. Inoltre, alcuni di loro sono andati con l’intenzione di tornare in Marocco per commettere atti terroristici. Hanno liste di obiettivi, dice Assad. Secondo lui, gli altri marocchini in posizioni di comando all’interno ISIS come un emiro militare o posto equivalente del ministro degli Interni o di giustizia. I servizi hanno nomi e le immagini di questi funzionari. Allo stesso modo, i marocchini hanno partecipato una ventina di attentati suicidi dopo l’annuncio della creazione dello Stato Islamico dell’Iraq e del Levante. Mohamed Hassad, ha riferito che ISIS è un’organizzazione terroristica che colpisce tutti i paesi islamici. Strategia iniziata in Siria e in Iraq. Attualmente, i preparativi sono in corso per affrontare i paesi vicini. In Arabia Saudita, il livello di allarme terrorismo è estrema, con la mobilitazione di 30.000 soldati lungo il confine con l’Iraq. Il governo sta studiando la possibilità di costruire un muro elettronico così come il Marocco sulla frontiera orientale.
Altri paesi hanno adottato misure per affrontare le minacce. La Francia ha deciso di rafforzare il dispositivo anti-terrorismo che vieta ai giovani di andare in Siria e in Iraq. A questo si aggiunge la lotta contro i siti che promuovono il reclutamento di combattenti. Idem per la Gran Bretagna, che ha deciso di ritirare la cittadinanza ai cittadini che stanno combattendo in questa regione, con la confisca dei loro passaporti. Chiude siti che reclutano giovani.