Arrestato terrorista belga amico di Abdelhamid Abaaoud

6

MAROCCO – Rabat 18/01/2016. Le autorità marocchine hanno arrestato un cittadino belga di origine marocchina direttamente collegato agli assassini della strage di Parigi del novembre 2015 in cui rimasero uccise 130 persone, secondo una dichiarazione del ministero dell’Interno di Rabat.

Il governo marocchino ha fornito solo le iniziali del sospettato in arabo dicendo che questa persona ha combattuto in Siria con al-Nusra prima di unirsi Daesh. Il sospetto, le cui iniziali possono essere tradotte come JA o GA, è stato arrestato il 15 gennaio nella città di Mohammedia, aggiunge il comunicato: «È andato in Siria con uno degli attentatori suicidi di Saint Denis», vi si legge. Abdelhamid Abaaoud, un ventottenne militante belga che secondo le autorità era il capo degli attentatori di Parigi, è stato ucciso assieme ad altri sospetti alcuni giorni dopo, quando la polizia fece irruzione una casa nel sobborgo di Saint Denis. Le indagini hanno mostrato che durante il suo soggiorno in Siria l’uomo arrestato ha frequentato i leader Daesh tra cui il leader degli attacchi di Parigi. L’uomo arrestato è stato addestrato per saper usare diverse armi e diversificate tattiche di guerriglia; ha lasciato, poi, la Siria passando attraverso la Turchia, per poi recarsi in Germania, Belgio Olanda, quindi da lì Marocco. Rabat, come si ricorderà, ha fornito l’informazione che permise alla polizia francese di individuare Abaaoud, ha arrestato il fratello di Abaaoud Yassine ad ottobre e ha emesso un mandato di arresto per Salah Abdeslam, il terrorista fuggitivo sospettato di aver preso parte agli attacchi.