MAR CINESE MERIDIONALE. Le pretese di Pechino sono agghiaccianti

132

L’ammiraglio Philip Davidson, comandante del Comando Indo-Pacifico degli Stati Uniti ha accusato Pechino di una politica assertiva sul Mar Cinese Meridionale e per non aver risposto all’appello di Washington di istituire un meccanismo di comunicazione in caso di crisi.

Davidson, all’Aspen Forum di Denver, ha detto che Washington e Pechino stanno avendo un “dialogo continuo” a livello militare, ma è necessario un meccanismo di comunicazione di crisi per ridurre la minaccia di errori di calcolo, riporta Scmp.

«Essere competitivi non significa non impegnarsi. Ci impegniamo a livello militare», ha detto. «Ma gli Stati Uniti hanno fatto da tempo una richiesta alla Cina: avere una comunicazione di crisi con il Southern Theatre Command, che gestisce il Mar Cinese Meridionale, e il Eastern Theatre Command della Cina… devono ancora rispondere a questa richiesta». La Cina e gli Stati Uniti sono bloccati nella disputa sul dispiegamento militare nella regione indopacifica. Pechino ha protestato contro le esercitazioni sulla libertà di navigazione nel Mar Cinese Meridionale, mentre gli Stati Uniti e i vicini del sud-est asiatico della Cina sono preoccupati per la costruzione militare della Cina.

Davidson ha confermato l’impegno di Washington per una presenza costante degli Stati Uniti nel Mar Cinese Meridionale, per risolvere pacificamente le controversie e preservare l’ordine basato sulle regole. «Molte altre nazioni sostengono fortemente la nostra libertà di navigazione, nonostante le proteste della Cina», ha detto Davidson, osservando che cinque delle alleanze del trattato di difesa reciproca dell’America si trovavano nella regione indopacifica.

Davidson ha anche notato che Pechino ha condotto un test missilistico subito dopo che il ministro della Difesa cinese Wei Fenghe ha tenuto un discorso allo Shangri-La Dialogue a Singapore lo scorso giugno, in cui ha difeso la militarizzazione delle barriere coralline nel contestato Mar Cinese Meridionale come “diritto legittimo” della Cina.

Davidson ha quindi criticato le ambizioni militari di Pechino nel Mar Cinese Meridionale, descrivendo il discorso di Singapore di Wei come “agghiacciante”.

Lucia Giannini