MAR CINESE MERIDIONALE. Hanoi va contro Pechino 

67

Il Ministero degli Affari Esteri ha presentato una denuncia alle istituzioni cinesi competenti e ha chiesto il sostegno internazionale per la presenza cinese nella sua Zee. Il portavoce del Ministero degli Esteri vietnamita Le Thi Thi Thu Hang ha dichiarato che la Cina ha «violato la zona economica esclusiva del Vietnam e la piattaforma continentale». Il Ministero ha ordinato alla Cina di «ritirare immediatamente dalle acque vietnamite tutte le navi cinesi di ispezione e di scorta». Ha anche annunciato che avrebbe continuato le sue esplorazioni congiunte con la Russia nei pressi della zona contestata fino a settembre.

L’ultima disputa è iniziata a maggio, dopo che Hanoi ha dato il permesso ad una piattaforma petrolifera giapponese appaltata all’impresa russo-vietnamita, Rosneft Vietnam BV, di esplorare un blocco petrolifero vicino alla Vanguard Bank, un elemento sommerso nella parte occidentale del Mar Cinese Meridionale, riporta Asia Times.

Pechino sostiene che la stessa area rientra nella sua autoproclamata area “nove linee di navigazione”, una demarcazione controversa che dà alla Cina il controllo di quasi il 90% del Mar Cinese Meridionale. Per rappresaglia, la Cina ha dispiegato la propria nave per prospezioni, Haiyang Dizhi 8, scortata da navi della guardia costiera pesantemente armate e pescherecci paramilitari.

 Il numero di navi cinesi è cresciuto fino a 35 al suo apice durante questo confronto, secondo il ministero degli Affari Esteri vietnamita. Il 3 agosto, una fonte vietnamita ha detto che il numero totale di navi cinesi di tutti i tipi ha raggiunto quota 80, ha aggiunto. Ci sono diverse ragioni per le quali Hanoi ha fatto leva sulla sua risolutezza questa volta, mentre si è piegata in precedenza.

 La scena dell’attuale situazione di stallo è più vicina a casa, e la Cina ha effettivamente inviato le sue navi nel territorio rivendicato del Vietnam. L’esplorazione petrolifera è più sviluppata vicino alla Vanguard Bank rispetto all’area che la Cina ha minacciato l’anno scorso. Hanoi probabilmente si è anche resa conto, dopo gli incidenti del 2017 e del 2018, che placando le richieste della Cina hanno solo invitato un comportamento più aggressivo in seguito.

Un’altra ragione è che Hanoi ha più grandi alleati di quanto non abbia fatto nel 2018, compresi gli Stati Uniti. Washington è desiderosa di stringere legami militari ancora più stretti con Hanoi, anche se il Vietnam rimane reticente su qualsiasi formalità, in linea con la sua politica estera non vincolante.

Gli Stati Uniti sono quest’anno stati più espliciti nel difendere la posizione del Vietnam. Il Vietnam ha firmato un nuovo accordo di difesa con l’Unione Europea, il primo del suo genere nel sud-est asiatico e un’indicazione di miglioramento delle relazioni con Bruxelles. Nel settembre 2018 è stato firmato un comitato misto Vietnam-Francia per la cooperazione in materia di difesa. Mesi dopo, in occasione del Dialogo Shangri-La 2019, il ministro francese delle forze armate Florence Parly ha promesso di «navigare più di due volte all’anno nel Mar Cinese Meridionale» e di continuare a difendere il diritto internazionale in modo «stabile, non conflittuale ma ostinato».

La Russia ha lasciato intendere che potrebbe sostenere la posizione di Hanoi: la Russia sta esplorando il petrolio in collaborazione con il Vietnam in un’area del Mar Cinese Meridionale che anche Pechino rivendica. Nonostante sia il maggiore fornitore di attrezzature militari al Vietnam, Mosca tende a rifuggire dalle dispute sul Mar Cinese Meridionale, anche se Vladimir Putin ha detto in passato che «si sta solidarizzando e sostenendo la posizione della Cina», dopo che la Corte Permanente di Arbitrato dell’Aia, nel luglio 2016, si è pronunciata contro la richiesta di risarcimento della Cina per l’area dei nove tratti.

Il ministro degli Esteri cinese Wang Yi ha detto alle riunioni dell’Asean a Bangkok che “grandi progressi” sono stati fatti dopo che la Cina e il blocco di dieci nazioni ha condotto la prima lettura di un previsto “codice di condotta” comune per il Mar Cinese Meridionale. Pechino pensa che il codice possa essere concordato entro il 2021, e chiaramente preferirebbe attenersi a questo calendario, dato che le Filippine hanno il coordinamento del dialogo Cina-Asean fino al 2021. Nelle ultime settimane, Hanoi ha perseguito una chiara e nuova direzione di internazionalizzazione della questione, aiutata dal fatto che Stati Uniti, UE e Giappone stanno diventando sempre più assertivi nel difendere un «ordine internazionale basato su regole» nella regione.

L’economia del Vietnam, però, non può continuare i suoi attuali tassi di crescita invidiabili senza il commercio cinese, e Hanoi è cauto nel fare dell’economia una vittima della propria geopolitica.

Antonio Albanese