MAR CINESE MERIDIONALE. Filippine e Giappone rafforzano i legami marittimi

56

Il ministro degli Esteri delle Filippine Teodoro Locsin ha dichiarato a Manila che il suo paese e il Giappone hanno concordato di rafforzare i loro legami di sicurezza nel Mar Cinese Meridionale, un’area in cui Manila ha contestato le rivendicazioni su varie isole.

Locsin ha detto in una conferenza stampa congiunta con la controparte giapponese in visita Motegi Toshimitsu che i due Paesi hanno concordato di approfondire i legami di sicurezza riguardanti lo stato di diritto nell’area contesa, che è stata a lungo fonte di tensioni marittime con la Cina: «Sono stato soddisfatto del mio franco scambio con il ministro Motegi su questioni come lo stato di diritto nei comuni marittimi e la situazione nel Mar Occidentale delle Filippine», ha detto il Ministro, riferendosi alle acque con il loro nome ufficiale filippino, riporta Efe. Locsin ha detto che il suo Paese si è «impegnato a continuare la sua cooperazione – a livello bilaterale e in tutte le sedi possibili – per mantenere la pace e la sicurezza, la stabilità e lo stato di diritto nella regione».

Le tensioni diplomatiche tra Pechino e Manila sulla questione si erano allentate fino al 2019, con le Filippine che hanno ceduto al precedente rifiuto di timbrare i passaporti cinesi con la controversa “linea delle nove linee” che la Cina usa per rivendicare i propri diritti sul mare. Tale linea rivendica un territorio ugualmente contestato da Manila e da Paesi come Taiwan, Vietnam e Brunei.

Il ministro degli Esteri filippino ha affermato che le controversie in mare fanno parte di «pressanti preoccupazioni» nell’ambiente di sicurezza del Sudest asiatico, aggiungendo che un’indagine su questo punto è un fattore cruciale del dialogo strategico della questione. «Abbiamo discusso di future acquisizioni a sostegno della modernizzazione delle nostre forze armate e marittime (…) Ho ringraziato il Giappone per aver sostenuto la nostra acquisizione di nuove risorse e attrezzature aeree e marittime per migliorare la nostra consapevolezza e capacità nel settore marittimo, così come le forze dell’ordine e le risposte umanitarie».

Nella prima visita di Motegi nelle Filippine dalla sua nomina di settembre, i Ministri hanno anche firmato accordi di cooperazione infrastrutturale per migliorare i ponti del Paese e proteggerli meglio dalle frequenti attività sismiche che affliggono la nazione insulare tutto l’anno.

Motegi ha visitato le Filippine nell’ambito di un tour nel Sudest asiatico, iniziato in Vietnam prima di recarsi in Thailandia. Il ministro giapponese è poi andato in Indonesia, ultima tappa prima di tornare a Tokyo.

Tommaso dal Passo