MAR CINESE MERIDIONALE. ExxonMobil potrebbe lasciare Blue Whale. Pressioni di Pechino?

72

La ExxonMobil, gigante americano del petrolio e del gas, è pronta a ritirarsi dal progetto energetico da 10 miliardi di dollari della Blue Whale, che copre il più grande giacimento di gas del Vietnam nel Mar Cinese Meridionale. Stando al blogger vietnamita Huy Duc, la ExxonMobil ha informato il governo vietnamita il 28 agosto che prevede di vendere la sua partecipazione del 64% nel progetto Blue Whale, noto localmente come Ca Voi Xanh, che dovrebbe iniziare ad estrarre gas entro il 2023.

Se il gigante petrolifero americano stia effettivamente cercando di tagliare e gestire il progetto Blue Whale, aumentano le speculazioni che si tratti di una conseguenza della pressione cinese legata alla guerra commerciale  con gli Usa. La possibile partenza dell’azienda americana segnerà il quarto contratto in altrettanti anni annullato da un’azienda energetica straniera che esplora le aree rivendicate del Mar Cinese Meridionale sotto concessione di Hanoi in Vietnam.

La Cina, che rivendica quasi il 90% del mare contestato attraverso la sua controversa mappa a nove linee, ha fatto pressione sul Vietnam affinché smetta di esplorare per il petrolio e il gas in collaborazione con imprese straniere nelle aree marittime contestate. Si è, nelle ultime settimane, arrivati quasi allo scontro tra le navi cinesi e vietnamite a Vanguard Bank. Una joint venture vietnamita e russa, guidata dalla Rosneft di Mosca, sta cercando petrolio nella zona.

Nel 2017 e 2018 Hanoi ha annullato i progetti di prospezione di petrolio e gas realizzati con imprese straniere, tra cui la spagnola Repsol, a causa delle pressioni di Pechino e delle presunte minacce di ricorrere alla violenza nelle isole Spratly. Il codice di condotta per il Mar Cinese Meridionale è in fase di negoziazione con l’Associazione delle Nazioni del Sud-Est Asiatico, e Pechino vuole che i membri del blocco accettino una clausola secondo cui l’attività economica nella zona marittima «non deve essere condotta in cooperazione con aziende di paesi al di fuori della regione».

Pertanto, se l’Asean aderisce al codice, le imprese vietnamite non saranno più in grado di collaborare con società russe o americane per la ricerca di petrolio e gas in mare. Il Vietnam assume la presidenza a rotazione dell’Asean l’anno prossimo e potrebbe mirare ad eliminare la clausola dal codice, secondo alcuni.

La ExxonMobil ha recentemente annunciato l’intenzione di cedere circa 15 miliardi di dollari di attività. La settimana scorsa, la Reuters ha riferito di voler recuperare 4 miliardi di dollari disimpegnandosi da progetti in Norvegia. A metà agosto, è stato riferito che il gigante petrolifero americano venderà anche le sue partecipazioni in progetti nel Mare del Nord britannico.

La ExxonMobil potrebbe avere buone ragioni commerciali per abbandonare il progetto Blue Whale: le riserve del giacimento di gas sono particolarmente ricche di anidride carbonica, limitando i possibili utilizzi del combustibile estratto e rendendolo meno rispettoso dell’ambiente. Anche i problemi finanziari del suo partner statale locale, PetroVietnam, potrebbe essere un fattore. A causa dell’esaurimento delle sue casse, è improbabile che la ExxonMobil possa acquistare la quota di partecipazione nell’impresa se il gigante americano dell’energia si ritirasse.

C’è anche la possibilità che la ExxonMobil non intenda uscire dall’impresa, ma stia piuttosto utilizzando la minaccia di esercitare pressioni sul governo vietnamita per attuare e modificare le politiche e accelerare l’approvazione di parti chiave del progetto.

Graziella Giangiulio