Baku, outlook stabile

50

AZERBAIJAN – Baku. 28/03/14. L’Agenzia di rating Fitch ha assegnato all’Azerbaijan prospettive stabili cassegnado, BBB-. L’outlook è stabile e riflette l’opinione di Fitch che i rischi al rialzo e al ribasso per la valutazione sono equilibrati.

 

Fitch ritiene che il prezzo del petrolio, principale esportazione dell’Azerbaijan e fonte di entrate di bilancio avrà una media di 105 dollari al barile quotazione Brent nel 2014, e 100 dollari al barile 2015.

Anche le emissioni di obbligazioni senior in valuta estera e locale non garantiti dell’Azerbaijan ottengono BBB -. Sempre BBB-  per Country Ceilling e i breve termine in valuta estera IDR a ‘F3 ‘.

L’affermazione riflette le aspettative di Fitch che la produzione di petrolio rimarrà sostanzialmente stabile per i prossimi cinque anni.

«La produzione di petrolio è cresciuta dello 0,3 % nel 2013, dopo il brusco calo nel 2010. I nuovi pozzi e una possibile estensione del contratto tra il consorzio guidato da BP e il governo dovrà ridurre i tassi di declino di estrazione e vendita del petrolio. L’esportazione di gas naturale è anche più certa, dopo che gli stakeholder del progetto Shah Deniz 2, hanno scelto come via per l’esportazione l’Europa», dice il rapporto. Secondo gli analisti dell’agenzia di rating, il governo prevede di ridurre progressivamente i trasferimenti al bilancio da SOFAZ, Azienda Stato, e generare maggiori entrate da compagnie non produttrici di petrolio.

«I proventi del petrolio rappresenteranno circa i due terzi del bilancio dello Stato, sottolineando quindi, l’alta dipendenza dei prezzi delle materie prime. Il bilancio 2014 prevede la crescita della spesa per dimezzare rispetto all’anno precedente del 5 % in termini nominali, in modo che la spesa in percentuale del PIL, che ha raggiunto il 39% del PIL nel 2013 , smetterà di crescere», dice il rapporto .

Secondo gli analisti l’Azerbaijan ha emesso 25 miliardi di dollari di  Eurobond a 10 anni che garantiscono una importante presenza nel mercato obbligazionario.

«Nonostante il consolidamento fiscale in corso, il bilancio dello Stato sarà in leggero deficit. Il bilancio consolidato, comprensivo degli introiti di SOFAZ, sarà vicino al pareggio», ha rilevato l’agenzia di rating.

E ancora il bilancio sovrano dell’Azerbaijan è uno dei più stabili tra i paesi che hanno una valutazione da parte delle agenzie di rating.  

«SOFAZ ha accumulato 1.7miliardi di dollari nel 2013 per raggiungere un totale di 35.9 miliardi di dollari, ovvero il 49 % del PIL entro la fine del 2013. Le riserve internazionali della Banca centrale dell’Azerbaijan (CBAR) ammontano a 14.4 miliardi di dollari. Fitch si aspetta un’ulteriore modesta crescita delle attività sovrane, che faranno da cuscinetto agli shock dei prezzi del petrolio o di produzione. Fitch stima che l’avanzo delle partite correnti è quasi al 18 % del PIL nel 2013, spinto da un surplus commerciale ampio. L’avanzo delle partite correnti si ridurrà, ma rimarrà superiore al 10% del PIL nel 2015 », dice il rapporto .

Fitch si aspetta una crescita di moderata al 3 % al 4 % nel 2014-2015 , mentre il governo cerca di frenare le spese in conto capitale.

«Il PIL reale è cresciuto del 5,8 % nel 2013, con una crescita del settore non petrolifero superiore al 10%. L’inflazione salirà dai recenti minimi dopo che il governo ha aumentato i prezzi dei carburanti nel mese di dicembre. Il cambio effettivo reale si è apprezzato a causa di rublo russo e debolezza lira turca. Il Manat, moneta azera, è ancorata  il dollaro statunitense, sostenuta da grandi riserve CBAR», dice il rapporto .

CBAR ha agito per frenare la crescita dei prestiti, aumentando la ponderazione del rischio sui prestiti al consumo e Fitch si aspetta che questo rallenti la crescita dei prestiti.

«Le autorità hanno dato alle banche tempo fino a gennaio 2015 per soddisfare un requisito di capitale minimo più elevato. Il sistema bancario è una debolezza relativa, visti i problemi di qualità dell’attivo del dominante, di proprietà dello Stato, la Banca Internazionale dell’Azerbaijan (IBA). Il governo si è impegnato a iniettare più capitale in IBA», dice il rapporto.