Pesca italo-maltese

76

ITALIA – Mazara del Vallo 16/01/2014. Prosegue l’attività di internazionalizzazione del Distretto Produttivo della Pesca-Cosvap nell’ambito del “Foro per l’Africa, Mediterraneo e Medio Oriente Allargato”.

Una delegazione guidata dal presidente del Distretto, Giovanni Tumbiolo, è stata ricevuta dal Ministro della Pesca della Repubblica di Malta, Roderick Galdes, alla presenza del direttore Generale del Dipartimento della Pesca, Andreina Fenech Farrugia (foto d’apertura). Nel corso dell’incontro sono state affrontate le spinose questioni relative ai reiterati sequestri da parte delle autorità militari maltesi ai danni di pescherecci siciliani. Ricordiamo che Malta da alcuni
anni ha istituito una zona di protezione di pesca tra le 12 e le 25 miglia nautiche dalla costa; non si tratta di acque territoriali maltesi, bensì di uno spazio acqueo oggetto di una gestione speciale, in virtù dell’articolo 21 dell’atto di adesione di Malta all’Unione europea, che ha consentito di modificare alcuni regolamenti sulla pesca, tra cui il Regolamento sul Mediterraneo, al fine di adottare le misure di conservazione necessarie per le acque intorno a questo Stato. Per i pescherecci siciliani in particolare queste limitazioni costituiscono un serio problema soprattutto perché il limite delle 25 miglia è molto prossimo in alcuni punti al limite delle acque territoriali italiane. L’incontro con il Ministro Galdes è avvenuto con l’assistenza dell’Ambasciata d’Italia a Malta e si è svolto in un clima cordiale e propositivo. È stata prospettata un’attività  di cooperazione transfrontaliera fra le due marinerie, maltese e siciliana, e nei campi di ricerca e innovazione finalizzata alla tutela e valorizzazione del patrimonio ittico e dell’ambiente marino secondo i principi della “blue economy”, la filosofia produttiva propugnata in questi anni dal Distretto della Pesca siciliano e dalle Associazioni professionali e sindacali siciliane.

Infine, la delegazione è stata ricevuta dall’Ambasciatore d’Italia a La Valletta, Giovanni Umberto De Vito (foto in basso).