Malesia: stop alle sovvenzioni

44

MALESIA – Kuala Lumpur. 08/12/13. Il primo ministro malese Najib Razak il 5 dicembre difeso l’introduzione di una nuova imposta sul consumo e il taglio delle sovvenzioni sullo zucchero, dicendo che le decisioni sono essenziali per consolidare le finanze pubbliche e rafforzare l’economia nazionale.

Lo ha detto parlando alla cerimonia di apertura della Corte di Malesia United Malays National Organization (UMNO ), Najib ha invitato l’opposizione ad appoggiare le nuove imposte sui “Beni e Tax Service (GST)”, che deve essere attuata nel 2015. Alla quale ha mandato il seguente messaggio: «Per tua informazione, il GST è stato dimostrato di essere il miglior sistema fiscale finora, e deve essere implementato per permettere di migliorare i dati economici» ha detto. Najib ha sottolineato che i beni e i servizi necessari sarebbero esenti da GST, come il riso, zucchero, sale e olio da cucina.

L’introduzione di GST è parte degli sforzi da parte del governo di Najib per affrontare la pressione del debito pubblico in aumento. Secondo una relazione economica ufficiale, il debito del governo federale totale salirebbe al 54,8 per cento del PIL entro la fine del 2013, con possibilità di raggiungere il tetto del debito del 55 per cento.

Il governo ha anche deciso di aumentare il prezzo della benzina, abolire sovvenzioni per lo zucchero e aumentare la tariffa elettrica. Najib ha affermato che il governo sta pensando una razionalizzazione del sussidio. «Sulla cancellazione del sussidio per lo zucchero, ha spiegato il politico, è stata fatta una scelta di tipo sanitaria. Le statistiche dimostrano che 2,6 milioni di malesi di età compresa tra 30 o superiore soffre di diabete». «In breve, tutti gli sforzi di razionalizzazione le sovvenzioni sono iniziative di consolidamento fiscale, che il governo deve attuare per rafforzare la capacità di ripresa dell’economia nazionale», ha detto.