MALDIVE. Riad si compra un atollo

64

I membri del Partito democratico delle Maldive, Mdp, che è all’opposizione, hanno avvertito delle possibili gravi conseguenze legate all’interesse saudita di ottenere il pieno controllo di un intero atollo del paese.
Il re dell’Arabia Saudita Salman bin Abdulaziz Al Saud sarà in visita a marzo in sei paesi asiatici, tra cui Malesia, Indonesia, Brunei, Giappone, Cina, e Maldive, riporta Press Tv.
I membri del Mdp hanno lanciato l’allarme sulla decisione del governo e del presidente Abdulla Yameen Abdul Gayoom di “vendere” Faafu, uno dei 26 atolli, all’Arabia Saudita: per i rappresentanti del Mdp un simile fattoaggraverebbe il wahhabismo nel paese.
Dai dati risulta che ad oggi delle Maldive è originario uno dei più alti rapporti procapite fra cittadini e jihadisti dello Stato Islamico.

Va ricordato che il wahabismo è l’interpretazione che domina in Arabia Saudita, predicata dagli studiosi e sostenuta dal governo. Daesh e altri gruppi terroristici usano una simile interpretazione per dichiarare infedeli persone di altre fedi e quindi essere liberi di ucciderli. Un membro del Mdp, l’ex ministro degli Esteri, Ahmed Naseem, ha detto che il governo delle Maldive non si è preoccupato di chiedere il consenso alla popolazione prima di procedere con la “vendita”: «In passato, la vendita di terreni, cosa scarsa alle Maldive, agli stranieri sarebbe stata vista come alto tradimento punibile con la morte», ha detto l’ex ministro. Il governo delle Maldive ha approvato un emendamento costituzionale nel 2015, che consente agli stranieri di possedere terreni nel paese.
Nel frattempo, anche The Times of India ha descritto la potenziale vendita dell’atollo delle Maldive all’Arabia Saudita come «un’altra sfida della sicurezza» per l’India posta nelle sue vicinanze: «L’India è stata sempre poco propensa a immischiarsi negli affari interni delle Maldive. Tuttavia, a New Delhi potrebbe convenire dire la propria alla luce delle prossime elezioni presidenziali alle Maldive previste per il prossimo anno».
Le Maldive rimangono ad oggi l’unico paese, nei pressi dell’India che il primo ministro indiano Narendra Modi ha rinunciato a visitare.

Maddalena Ingroia