Skopje: modifiche al codice penale per combattere ISIS

83

MACEDONIA – Skopje. 04/09/14.  Il Parlamento macedone ha approvato emendamenti al codice penale, che prevedono pene detentive per le persone che si dedicano a varie forme di operazioni di combattimento in un altro paese. Fonte testate macedoni.

All’articolo 322, paragrafo A, sono inserite le modifiche del codice penale: «Colui che recluta, chiama, o altrimenti promuove l’arruolamento di cittadini macedoni a qualsiasi esercizio militare o formazione paramilitare, che organizza addestramento militare e che trasportano tali persone, è punibile con una pena da 1 a 5 anni di carcere. L’autore o la persona che viola le disposizioni della presente legge, vale a dire, che partecipa a formazioni militari in un paese dove c’è un conflitto armato, è punito con almeno 4 anni di carcere». Le modifiche al codice penale, riguardano anche le sentenze di almeno cinque anni di carcere per le persone che violino le modifiche approvate, direttamente o indirettamente, offrono il loro supporto, sia in forma finanziaria o organizzativa, attraverso finanziamenti o apparecchiature varie per persone coinvolte in guerre all’estero. Condanne a 4 anni di carcere, a persone che sui social network incoraggiano gli altri a commettere reati, partecipazione a conflitti militari all’estero. 

La nostra tolleranza nazionale e religiosa è il miglior riflesso della nostra nazione attraverso i secoli. Questa legge è stata varata per evitare tali interferenze, ovvero la partecipazione e l’incoraggiamento, per le persone macedoni a partecipare ai conflitti esteri, noi musulmani e cristiani, non vogliamo che i macedoni partecipino alle guerre Artan Grubi, MP DUI. Trajanov, deputato ed ex Ministero degli Affari Interni, ha detto che questo è un problema che sta assumendo proporzioni preoccupanti, quindi, secondo lui, non dovrebbe aspettarsi molto dalle modifiche approvate. Bëhet Trayanov ha detto che tutti i paesi dovrebbero avere una strategia comune, penso sia l’unico modo per affrontare questo fenomeno. Esso dovrebbe includere tutti i soggetti interessati, i partiti politici, le comunità religiose, settore civile, e così via, ha detto Trayanov. Il Ministero dell’Interno ha pubblicato i dati sul numero di cittadini macedoni che partecipano a guerre, soprattutto in Iraq e Siria. Il ministro, ha detto Gordana Jankulovska si è rifiutato di fornire altre informazioni. In caso contrario, i media hanno pubblicato i dati sulla uccisione di almeno quattro persone, cittadini di Macedonia. 

Nel dibattito sull’adozione di tali emendamenti non ha partecipato deputati dell’opposizione -. SDSM, a causa del boicottaggio del Parlamento, mentre il DPA a causa del recente incidente tra deputati albanesi.