MACEDONIA DEL NORD. Mattis a Skopje contro Mosca

90

Il segretario alla Difesa degli Stati Uniti, Jim Mattis, ha detto che si sarebbe recato in Macedonia del Nord prima del referendum sul cambiamento del nome del paese, e ha espresso preoccupazione per una possibile “interferenza” russa nella fase di preparazione al voto.

Mattis, riporta Rfe, ha detto l’11 settembre che la visita si svolgerà questo fine settimana e mira a sostenere gli elettori macedoni nel referendum del 30 settembre. Se il referendum passasse, aiuterebbe a spianare la strada all’adesione alla Nato e all’Unione europea. «Sono preoccupato per (…) il tipo di interferenza che la Russia ha praticato dall’Estonia agli Stati Uniti, dall’Ucraina e ora alla Macedonia», ha detto Mattis. Questa visita, ha detto Mattis, «è a sostegno della loro decisione – la loro stessa decisione sovrana di assicurarsi che sappiano che noi crediamo che dovrebbero essere i nostri amici macedoni a tracciare il futuro del loro paese, e non gli estranei».

Il referendum ha lo scopo di ottenere l’approvazione degli elettori per un accordo che la Macedonia ha firmato con la Grecia a giugno. L’accordo cambia il nome della Macedonia in Repubblica della Macedonia del Nord, ponendo fine a una disputa con la Grecia che dura da decenni. I nazionalisti di entrambi i paesi si sono opposti all’accordo.

Se l’accordo sarà approvato e la costituzione della Macedonia sarà modificata, si aprirà la porta all’adesione della Macedonia all’Ue, e anche alla Nato, cosa alla quale la Russia si è pubblicamente opposta. L’ambasciatore russo a Skopje ha avvertito che la Macedonia potrebbe diventare «un obiettivo legittimo» se le relazioni tra la Nato e la Russia peggiorassero ulteriormente.

In Grecia risono state manifestazioni nazionaliste contro l’accordo; a giugno, Atene ha espulso due diplomatici russi, con l’accusa di aver contribuito a incoraggiare le proteste, e di corruzione per minare l’accordo.

La Macedonia ha visto un flusso costante di funzionari statunitensi ed europei in viaggio verso il paese, incoraggiando gli elettori a presentarsi e votare a sostegno del cambio di nome.

Luigi Medici