Al via il Luxor Film Festival

42

EGITTO – Il Cairo 17/01/2014. Il 19 gennaio si apre la seconda edizione del Film Festival  egiziano ed europeo di Luxor, organizzato dalla Fondazione Nun per la Cultura e le Arti, con il contributo del ministero della Cultura egiziano, assieme ad organizzazioni pubbliche e private egiziane ed europee.

L’obiettivo principale del festival è quello di favorire la conoscenza e promuovere la diffusione in Egitto di opere cinematografiche e audiovisive alta qualità dirette da registi egiziani ed europei, e di sviluppare un dialogo cinematografico egiziano – europeo. Il Luxor Festival ha lo scopo di incoraggiare i registi egiziani ed europei attraverso i premi assegnati e di attirare un nuovo pubblico per il cinema nell’Alto Egitto. La scelta della città di Luxor come location per questo festival ha lo scopo di conquistare un nuovo pubblico in una regione in cui sono di fatto scomparsi, teatri e cinema; la fondazione Nun ha il sostegno delle autorità egiziane.

La sfida che affronta il festival è grande: attirare il pubblico a scoprire il cinema europeo e promuovere il cinema egiziano, che ha perso il suo pubblico naturale dopo la scomparsa delle sale cinematografiche nel corso degli ultimi decenni. Inoltre, l’organizzazione del festival a Luxor intende incentivare il turismo culturale in questa storica città. Quest’anno il presidente sarà il poeta Abd El Rahman El Abnoudy. È stata scelta per l’apertura la giovane attrice Yousra Louzy. Saranno oltre 200 gli ospiti del festival, tra artisti e giornalisti provenienti dall’Egitto; 18 paesi europei parteciperanno con 62 film provenienti da Francia, Norvegia, Grecia, Georgia, Spagna, Serbia, Svezia, Russia e Romania, Repubblica ceca, Slovacchia, Belgio, Irlanda, Germania, Gran Bretagna, Estonia, Svizzera e Paesi Bassi. Il festival di Luxor si è tenuto per la prima volta nel settembre 2012, organizzato dalla Fondazione Nun per la Cultura e le Arti, con il sostegno dei ministeri della Cultura e del Turismo, degli Affari Giovanili, delle Antichità e dell’Unione europea.