I Lupi entrano in UE

50

REPUBBLICA CECA – Praga 30/04/2015. I Lupi di notte hanno attraversato il confine con l’Unione europea, nonostante il divieto.

Nella notte tra mercoledì e giovedì, i biker russi si sono fatti strada strada nel territorio dell’Ue. Nel blog del gruppo, compare infatti l’annuncio: «Nonostante gli ordini dati a tutti i posti di frontiera, siamo riusciti ad attraversare il confine!». È un messaggio composto dal leader del gruppo, Alexander Zaldostanov. «Ora i ragazzi sono in viaggio, lungo il percorso pianificato, verso la loro destinazione (…) Stanno andando a Bratislava per incontrare i biker della penisola balcanica», si legge nel post pubblicato nelle prime ore del 30 aprile. Anche sulla loro pagina di Facebook, i biker hanno annunciano la notizia dell’entrata nell’Ue, senza specificare però dove fosse avvenuto il passaggio. In altro post, delle 17.30 del 29 aprile, riporta Sputnik, i motociclisti avevano detto di essere a Privalka, un valico di frontiera tra Bielorussia e Lituania, ma erano stati respinti. Zaldostanov ha ribadito che i biker sono determinati a compiere il loro viaggio per commemorare la sconfitta del fascismo, spiegando l’origine del percorso della gara attraverso l’Europa: si tratta del percorso effettuato da Nadezhda Kirillova, veterana dell’Armata Rossa, incontrata dal gruppo nel 2006. Kirillova era un motociclista sovietico che ha preso parte alla guerra in sella ad una moto M-72 ed era l’unico veterano ancora in vita in grado di ricordare i luoghi, in Europa, dove erano stati sepolti i suoi commilitoni. «Noi non vogliamo creare problemi, ma vogliamo percorrere lo stesso itinerario», ha detto Zaldostanov durante la conferenza stampa tenuta il 28 aprile a Brest in cui ha spiegato le ragioni del pellegrinaggio storico.