Lugansk, ultimatum a Kiev: vogliamo essere russi

65

UCRAINA – Lugansk. 14/04/14. Mentre tutti sono concentrati sulle difficili relazioni tra Kiev e Donetsk c’è un’altra area, a 130 chilometri sa Donetsk, dove i filo-russi hanno preso il potere: Lugansk. Fonte l’agenzia rbc.ru. 

http://top.rbc.ru/politics/14/04/2014/917812.shtml

Nella regione di Lugansk gli attivisti filo-russi hanno presentato un ultimatum alle autorità regionali. I manifestanti chiedono che i funzionari locali entro il 16 aprile riconoscano il  “movimento popolare” e si rifiutino di sottomettersi a Kiev. La testata cita a sua volta come fonte Luganskoe opzione “orientale”.

I richiedenti hanno anche protestato in piazza chiedendo la liberazione dei membri precedentemente detenuti della “milizia popolare” locale. Se le autorità ignoreranno l’ultimatum, gli attivisti intendono eleggere nuovi deputati. Attivisti filo-russi non hanno ancora preso d’assalto l’edificio dell’amministrazione regionale, come era previsto all’inizio, si legge nell’articolo. Ma al momento non è da escludere un assalto in caso di rifiuto da parte delle autorità locali delle richieste filo-russe. Nelle regioni Lugansk e Donetsk gli attivisti filo-russi hanno sequestrati edifici governativi. la loro principale richiesta è di tenere un referendum sullo status delle regioni orientali dell’Ucraina. I partecipanti della “milizia del popolo” hanno proclamato a Lugansk e Donetsk “La Repubblica Popolare”. Gli edifici amministrativi sono sotto il controllo di attivisti filo-russi in Makeyevka Gorlovka Druzhkovka. Secondo recenti rapporti, gli attivisti hanno preso il controllo del municipio in Zhdanovka. Come riportato da “News of Donbass”, oramai il municipio di Zhdanovka  è “parte della repubblica di Donetsk”.

Reagendo alla crisi nell’est del Paese, il presidente Alexander Turchinov si è detto pronto a indire un referendum, che avrebbe imposto il tema della federalizzazione dell’Ucraina (mentre si continua a dire che la maggioranza degli ucraini sostiene la conservazione della struttura unitaria del paese). La Commissione Ucraina elettorale centrale ha già annunciato la sua disponibilità a tenere un referendum il 25 maggio, in contemporanea con le elezioni presidenziali. Ieri, 13 aprile, Turchynov ha annunciato che le operazioni contro gli attivisti filo-russi nel Donbass, si terranno e le autorità ucraine agiranno per nome e conto del popolo ucraino contro quelli che per il governo di Kiev chiama terroristi. Il Governatore di Donetsk Oblast, Sergey Taruta, il 14 aprile ha annunciato l’introduzione di una modalità di funzionamento speciale nella regione.