LITUANIA. Vilnius vuole più Patriot contro Mosca 

59

La Lituania vuole che gli Stati Uniti portino più sistemi di difesa, come i missili Patriot a lungo raggio e gli Avenger a corto raggio, nei paesi baltici, dove i governi temono una Russia potente nei cieli. Il paese ha chiesto a Washington di installare questi sistemi più regolarmente per le esercitazioni, sostenendo che la Nato deve conoscere bene la regione in caso di conflitto. Per il ministro della Difesa lituano, Raimundas Karoblis, ripreso da Reuters: «Sì, naturalmente, lo chiediamo noi. Stiamo parlando non solo dei Patriot, ma anche di altre capacità, come gli Avenger a corto raggio, e di altri sistemi per creare un’architettura regionale di difesa aerea, perché non siamo in grado di farlo da soli».

La Lituania, la Lettonia e l’Estonia, ex paesi Urss e ora parte della Nato e dell’Unione europea, hanno bisogno dell’aiuto occidentale per la piccola dimensione delle loro economie, nonostante i crescenti bilanci della difesa. La Polonia, altrettanto allarmata dalla presa della Crimea da parte di Mosca nel 2014, sta spendendo più di 5 miliardi di dollari per l’acquisto di missili Patriot dalla Raytheon Co, dopo un accordo siglato nel mese di marzo. Gli intercettori di difesa antimissile Patriot sono progettati per rilevare, localizzare e impegnare veicoli aerei senza equipaggio, missili da crociera e missili balistici a corto raggio o tattici. Ma i piccoli paesi baltici non possono permettersi costosi jet militari o difese aeree avanzate, il che li rende dipendenti dagli Stati Uniti e dalla Nato per colmare il divario.

Da Kaliningrad, exclave russa sul Mar Baltico, qualsiasi aereo o missile russo potrebbe raggiungere la maggior parte della Polonia, della Lituania, della Lettonia e dell’Estonia. Karoblis non si aspettava che la Nato aumentasse immediatamente le difese nei Paesi Baltici, ma si aspettava che l’Alleanza mostrasse maggiore impegno in occasione del vertice dei leader della Nato a luglio per scoraggiare qualsiasi minaccia nei Paesi Baltici. La difficoltà principale è che gli altri membri della Nato devono far fronte alle lacune nella propria difesa dopo anni di rapporti migliori con la Russia dalla fine della Guerra fredda, che hanno reso superflue simili difese.

“Ci piacerebbe avere lo spiegamento permanente di sistemi missilistici di terra e altre capacità, ma capiamo che una parte abbastanza significativa di queste capacità sono state perse dalla Nato dopo la Guerra fredda ed è difficile ricostruirle velocemente. Dobbiamo fare in modo che, nei paesi baltici, possano essere dispiegate difese aeree in qualsiasi momento necessario (…) La situazione della sicurezza nei Paesi Baltici non sta migliorando (…) Uno dei luoghi in cui l’unità dell’Alleanza potrebbe essere messa alla prova sono i paesi baltici. Questa è, almeno, una possibilità teorica», ha detto Karoblis. 

La Nato ha iniziato a migliorare le difese della regione dopo l’annessione della Russia alla Crimea, mettendo a rotazione quattro battaglioni multinazionali di circa 1.000 soldati in ogni stato baltico e in Polonia. Ma l’alleanza ha evitato di dispiegare capacità militari permanenti, in parte per evitare un’escalation della tensione con la Russia. Il Cremlino dice che la Nato, non Mosca, è il rischio per la pace in Europa.

Lucia Giannini