LIBRI. Le sfere dei Draghi si aprono in un mondo nuovo

151

Mentre leggete le avventure di Rey e della sua Compagnia, vi aspettate che all’improvviso sbuchi fuori Goku con i suoi poteri per sbaragliare le forze del Male. In alcuni momenti manca solo Gandalf il Grigio a completare il gruppo che si oppone alla rinascita del Male nella Terra di Mezzo. Sono queste le eco letterarie che vengono subito in mente leggendo le divertenti avventure del giovane monaco Rey e della sua composita Compagnia, molto simile a quella dell’Anello di tolkeniana memoria, tutta composta da adolescenti di diverse razze e con diversi poteri che combattono contro le forze oscure che cercano di risvegliare il Male assoluto.

È così che si svolge il romanzo di Riccardo Massimini, giovane talento narrativo romano.

Shar Cand. La leggenda dei sette draghi è il primo tassello di una storia più ampia, tanto che questa prima parte ha un finale aperto, ma comunque autoconclusivo, che certamente piacerà ai fan di un mito dei manga giapponesi: Goku, personaggio al centro della saga di Dragon Ball, che ha goduto di un successo globale sia nella versione fumettistica che in quella da anime con infiniti spin off tutti di successo.

Massimini però va oltre e unisce a questo filone quello tolkeniano, con elfi, nani, poteri magici, armature e spade. Il risultato è incredibilmente affascinante nell’insieme e cattura pagina dopo pagina in un crescendo di avventure frizzanti e divertenti. Per chi ha letto il corpus delle opere di Tolkien è una piacevole scoperta e riscoperta di tematiche e personaggi noti, ma piacevolmente rielaborati ed inseriti in un contesto da anime nipponico in un mix divertente.

Abbiamo detto che questo romanzo è solo il primo passo di una serie che viene solo annunciata nel finale, che non è un finale di fatto, ma solo il ritorno al tempo presente narrativo dopo un flashback lungo quanto il romanzo stesso. Ma non voglio togliervi il gusto di seguire le avventure di Rey e dei suoi compagni di avventure. La fine è solo l’inizio.

Antonio Albanese