LIBIA. Tutti vogliono andare a Berlino. Riuscirà la Conferenza a risolvere la questione?

114

La Germania si prepara a tenere una conferenza sulla Libia a dicembre, in cui tutti gli attori internazionali del dossier libico si incontreranno per discutere una soluzione politica rapida all’attuale conflitto, mentre alcuni si chiedono quali siano le possibilità di successo della conferenza, soprattutto alla luce della continua escalation militare all’interno del Paese.

Infatti, la Germania, che è stata a lungo una parte neutrale nel dossier libico, sta scommettendo sul successo di questa conferenza a Berlino, e ha iniziato settimane fa: mosse diplomatiche a più di un livello, per garantire la presenza di attori regionali e internazionali coinvolti nella crisi libica, in particolare Francia, Italia e Russia, per accordarsi sugli articoli principali e le soluzioni politiche necessarie per fermare la guerra in Libia.

La conferenza di Berlino differirà dalle conferenze di Parigi e di Palermo in molti modi, in quanto assisterà all’assenza di forze libiche attive, in particolare le parti in conflitto, alla luce della divergenza di opinioni tra di loro, mentre la conferenza assisterà a una presenza americana prominente e forte.

Mentre il comando generale dell’esercito nazionale libico (LNA) ritiene che non sia pronto per alcun dialogo prima dell’eliminazione del terrorismo, il governo di accordo nazionale (GNA) mantiene la necessità di rispettare l’accordo politico libico di Skhirat come riferimento politico per qualsiasi dialogo e richiede il ritiro delle forze armate dalla capitale libica Tripoli.

In precedenza, il comando generale delle forze armate arabe libiche (LNA) ha rilasciato una dichiarazione per commentare la conferenza di Berlino sulla Libia. Il comando generale ha affermato che assicura alle parti coinvolte nei colloqui internazionali l’importanza di eliminare il terrorismo, sciogliere le organizzazioni armate e le milizie e disarmarle in modo che i libici possano creare un dialogo nazionale, che assicurerà di portare il paese verso un processo politico giusto e concordato.

Anche il comandante dell’Esercito Nazionale Libico (LNA), il generale Khalifa Haftar, ha incontrato l’inviato delle Nazioni Unite in Libia, Ghassan Salamé, a Rajma l’11 novembre. Salamé informò Haftar dell’esito dei colloqui sulla conferenza di Berlino ed ascoltò il punto di vista dell’esercito libico, mentre Haftar ha sottolineato l’importante ruolo della missione delle Nazioni Unite e del suo inviato in Libia, sottolineando le dichiarazioni rese dal comando generale dell’esercito relative all’incontro di New York e Berlino, e la necessità di eliminare i gruppi terroristici e smantellare le milizie.

Salamé non ha escluso l’espansione degli invitati a partecipare alla conferenza di Berlino, sottolineando che il paese organizzatore è “sotto pressione” per fare partecipare altri paesi alla conferenza. La dichiarazione di Salamé è arrivata in risposta a una domanda sull’esclusione di diversi paesi dalla conferenza di Berlino.

In un’intervista trasmessa mercoledì scorso da Radio Algeria, Salamé ha affermato che: «C’è una determinazione da parte del partner tedesco che ora siamo soddisfatti di alcuni partecipanti e di invitare solo le organizzazioni regionali solo nonostante la grande pressione su Berlino per fare Algeria e Tunisia partecipare alla conferenza», aggiungendo: «La pressione è stata grande, non escludo l’espansione degli invitati».

Precedentemente, i media hanno indicato che gli Stati Uniti, la Gran Bretagna, la Francia, la Cina, la Russia, l’Italia, la Turchia, l’Egitto, gli Emirati Arabi Uniti e la Germania hanno in programma di partecipare alla prossima conferenza, mentre i paesi vicini saranno assenti, il che ha suscitato critiche ufficiali in quelle capitali.

Il 29 ottobre, il ministro degli Affari esteri tunisino Khamis al-Juhainawi ha informato il suo omologo tedesco Heiko Maas dell’importanza della partecipazione del suo paese alla prossima conferenza di Berlino sulla Libia, sottolineando che la sua partecipazione a qualsiasi corso, volta a trovare una soluzione alla crisi, è “necessaria”.

Da parte sua, l’ex diplomatico algerino Abdelaziz Rehabi ha sottolineato, il 30 ottobre, la necessità che il suo paese partecipi alla conferenza di Berlino sulla crisi libica, affermando che qualsiasi soluzione internazionale alla crisi è “incompleta” se l’Algeria o i suoi paesi vicini ne sono esclusi.

Al Cairo, il ministro degli Esteri egiziano Sameh Shoukry e l’inviato speciale delle Nazioni Unite in Libia Ghassan Salamé hanno discusso, il 12 novembre, di come attivare il processo di risoluzione della crisi libica, compresi i preparativi in corso per la conferenza di Berlino sulla Libia.

Il ministero degli Esteri egiziano ha detto in una dichiarazione pubblicata martedì scorso sulla sua pagina Facebook che Shoukry ha sottolineato durante l’incontro la necessità di raggiungere un “accordo politico” in Libia, affrontando “i determinanti della posizione egiziana” sull’argomento.

Shoukry ha sottolineato che la soluzione politica dovrebbe preservare l’unità e l’integrità territoriale della Libia, sostenere il ripristino del controllo delle istituzioni statali nazionali, contribuire alla lotta contro le organizzazioni terroristiche, porre fine al caos delle milizie e ripristinare la sicurezza, al fine di attivare il libero arbitrio del popolo libico per controllare le proprie risorse.

In più, l’ambasciatore tedesco al Cairo, Cyrill Nunn, ha annunciato nei giorni scorsi che il suo paese è determinato sulla partecipazione dell’Egitto all’iniziativa per risolvere la crisi libica, sottolineando che l’assenza del Cairo dall’iniziativa non porterà al successo di alcun accordo politico, perché l’Egitto ha un ruolo nel raggiungere la pace e la calma.

«Non è possibile passare a soluzioni politiche prima di decidere il destino delle milizie armate che sostengono il governo di Accordo nazionale e il suo presidente, Fayez Al-Sarraj, che controllano la capitale Tripoli con la forza delle armi», ha detto il parlamentare libico Mesbah Ouhida ad Al Arabiya, prevedendo il fallimento della conferenza se le milizie erano entro l’agenda della conferenza.

Mentre Il parlamentare libico Jebril Ouhida ritiene che le possibilità di successo della conferenza di Berlino siano scarse a causa della forte disarmonia tra l’esercito libico e le milizie che controllano l’autorità di fatto a Tripoli.

Jebril ha aggiunto che questa conferenza non riuscirà nemmeno a obbligare i paesi che sostengono la guerra in Libia a fermare il loro supporto logistico e sostenere le parti in conflitto, a causa della difficoltà, dato il conflitto di interessi.

Marwa Mohammed
Corrispondente dal Cairo