ISIS: Libia e Tunisia come Siria e Iraq

83

TUNISIA – Tunisi. 25/03/15. Dopo AQIM e Ansar al-Sharia, è il turno di Daesh, situato nella vicina Libia a minacciare la Tunisia. Fonte Jeune Afrique.

Da Al-Qaeda nel Maghreb Islamico (AQIM) ad Ansar al-Sharia, la filiale libica dello Stato islamico (EI o Daesh) la Tunisia affronta tre anni una minaccia polimorfica e crescente. Le autorità, che temevano una grande azione finora erano riuscito a contrastare i tentativi di attacchi, in particolare durante le elezioni, tra ottobre e dicembre 2014. Ma l’attacco al Bardo perpetrato da almeno tre attaccanti, due dei quali sono stati uccisi da agenti della Joint Terrorism Task Force danno un nuovo segnale alla nazione. Uno dei due terroristi uccisi, Saber Khachnaoui nativo di Kasserine, la cui famiglia non aveva notizie per tre mesi, aveva combattuto nelle file della filiale libica di Daesh prima di tornare in Tunisia. La modalità operativa molto particolareggiata e ben costruita più la rivendicazione tendono ad accreditare la pista EI, e non quella di AQIM. Attivo nella giungla del west (Monte Chaambi) la katiba (brigata) Oqba Ibn Nafaa, affiliata ad Al Qaeda, di solito non prende di mira i civili, guidata dal emiro algerino sfuggente Abu Luqman Sakhr. Secondo fonti della sicurezza, non conta più di un centinaio di combattenti, tuttavia, molto esperti, che vengono rinnovati costantemente invocano cellule dormienti di al-Ansar Sharia. Al contrario il sanguinoso attivismo di IS continua a suscitare vocazioni. Più di 3.000 tunisini si sono recati in Siria a partire dal 2012, al fine di effettuare jihad, e molti di loro hanno ora promesso fedeltà al califfo. Con i sauditi, i tunisini sono il contingente straniero più rappresentato in Siria. Tra 1000 e 1500 jihadisti tunisini sono in Libia. IS è ora in piena espansione in Libia . Il numero totale di jihadisti affiliati ad esso varia tra 1000 e 1500, secondo le stime più attendibili, divise tra Sirte, Bengasi e Derna. Il gruppo terroristico ha nei suoi ranghi molti ex sostenitori tunisini di Ansar al-Sharia. Molti attivisti sono fuggiti Libia a metà del 2013, dopo che l’organizzazione era stata dichiarata illegale. Il loro leader, Abu Iyadh, un veterano dell’Afghanistan e della Bosnia è sparito nel nulla. Per diversi mesi, la Libia è stata dichiarata terra jihad da una serie di fatwa da parte di sceicchi salafiti, che ora consiglia ai tunisini di stabilirsi lì piuttosto che andare combattere in Siria e in Iraq. Queste fatwa hanno ricevuto la “benedizione” di Abu Bakr al-Baghdadi, il “Califfo” di IS. «L’IS è entrata in una fase di espansione territoriale in Libia con l’obiettivo di aprire un secondo fronte in Tunisia», dice il giornalista David Thomson, uno specialista in movimento jihadista tunisina. Oggi, ci sono preoccupazioni che l’organizzazione possa decidere di portare la jihad in Tunisia, approfittando del confine poroso, in una sorta di duplicazione del sistema iracheno-siriano.