Bengasi, libici contro le milizie

47

Libia: una milizia islamista è stata spazzata via dalla città orientale di Bengasi da una protesta popolare che manifestava contro i gruppi armati che si rincorrevano fino alle prime ore della mattina.

A darne notizia la Reuters. I manifestanti di fronte alla base di Ansar al-Sharia, applaudivano e cantavano: «Di ‘a Ansar al-Sharia, Bengasi sarà il tuo inferno». Ansar al-Sharia è stata collegata l’attacco al consolato degli Stati Uniti a Bengasi la scorsa settimana in cui l’ambasciatore degli Stati Uniti in Libia e tre altri americani sono morti. Anche se il gruppo ha sempre negato il coinvolgimento. L’azione contro il gruppo sembrava essere coordinato dalla polizia e dalle truppe governative ma vi hanno partecipato anche molti attivisti a seguito di una manifestazione di massa pubblica contro le unità della milizia. I manifestanti cantando «Libia, Libia», sono entrati nel quartier generale del gruppo islamico e hanno tirato giù le bandiere delle milizie ed incendiato un veicolo nella sede Ansar al-Sharia a Bengasi – una volta base delle forze dell’ex leader Muammar Gheddafi. La folla agitava spade e anche una mannaia, gridando «Non più di al-Qaeda!» è «Il sangue versato per la libertà che non deve andare in vano!». «Dopo quello che è successo al consolato americano, il popolo di Bengasi ne ha avuto abbastanza degli estremisti», ha detto uno dei dimostranti Hassan Ahmed. Il fatto è che dalla rivolta ad oggi il popolo libico è passato da una dittatura ad un nulla pneumatico politico con il rischio di finire nelle mani di nuovi teocrati. Ma dopo le rivolte dello scorso anno, i libici hanno coscienza della loro forza e quindi non sono più disposti a cadere nelle mani di un nuovo despota. «Questo posto è come la Bastiglia. Questo è dove la Libia di Gheddafi è crollata, e ora tocca a Ansar al-Sharia. Questo è un punto di svolta per il popolo di Bengasi». Ha detto Adusalam al-Tarhouni, un lavoratore del governo, che è arrivato con la prima ondata di manifestanti, ha detto che i pick-up con diversi combattenti del gruppo avevano inizialmente affrontato i manifestanti e hanno aperto il fuoco. Due manifestanti sono stati colpiti o ad una gamba, ha detto ma i feriti sarebbero molti di più.