Cirenaica addio

37

LIBIA – Tripoli. 30/10/13. Il capo libico del National Congress (il parlamento) Nuri Bushmin il 25 ottobre ha detto che il governo, auto eletto della Cirenaica, non è legittimo. 

 

Nuri Bushmin ha dichiarato: «no alla legittimità di qualsiasi entità al di fuori del quadro della squadra Generale Congresso Nazionale». Questa affermazione è stata la sua reazione all’annuncio del comitato esecutivo del territorio della Cirenaica di essere autonomo dal governo centrale. Bushmin ha detto il 25 ottobre che «la dichiarazione rilasciata nella città orientale di Ajdabiya da parte dell’Ufficio Esecutivo è un annuncio di persone che rappresentano solo se stessi».

Bushmin ha spiegato che «le opzioni di governo che abbiamo sono tra le opzioni individuate dalla Dichiarazione Costituzionale e accettate dal popolo, quando c’è stata l’elezione del Congresso Nazionale», spiegando che il Congresso Nazionale sta cercando un «dialogo ancora con le persone che stanno bloccando i porti petroliferi nell’est del Paese, attraverso la commissione sulla crisi della Conferenza Nazionale». Il Congresso continuerà a dialogare con gli sceicchi e gli anziani della regione orientale, «e continueremo a dialogare con loro fino a risolvere questa crisi ».

Il capo dell’ufficio esecutivo del territorio della Cirenaica Abed Rabbo Barasoyom ha annunciato la formazione del governo ha detto che gestirà la regione, indipendentemente dalle questioni di Tripoli. Il governo della Cirenaica  è composto da 24 ministri. Fonte Russia Oggi.