LIBIA. Liberati centinaia di profughi a Sabratha

62

Dopo la fine degli scontri a Sabratha si iniziano a fare i conti con la situazione corrente in città e gli sviluppi sul resto della regione della Libia occidentale. Sono stati trovati centinaia di migranti nei centri di detenzione gestiti precedentemente da Ahmed Dabbashi prima che lasciasse Sabratha (nella foto). Secondo un account social locali, la milizia sostenuta dall’Italia, ovvero la milizia Al Dabbashi, ha perso a Sabratha. La Sala operativa anti Daesh di Sabratha ha effettuato diversi raid in case dove si nascondevano alleati di Dabbashi.

La vittoria del LNA e della sala operativa  a Sabratha inizia ad avere diversi riflessi sul resto della regione occidentale. Prima di tutto ieri vi è stato il tentativo di infiltrare un gruppo di turisti da parte di miliziani in Tunisia dalla Libia. Per questo l’esercito tunisino si è posto in stato di allerta al confine.

La sensazione è che il LNA non si voglia fermare a Sabratha e vi sono state diverse indicazioni tangibili della cosa. Prima di tutto il Comando generale del LNA ha annunciato che non lascerà alle milizie ancora agire in totale impunità; i residenti di altre città, come quelli di El Agelat, hanno manifestato in favore del LNA di cui il LNA ha poi annunciato il controllo; le forze di Haftar hanno poi fatto sapere che a breve si recheranno a Zuwara per prendere il controllo del posto di frontiera di Ras Ajdir. Il LNA ha dato 72 ore alle milizie di Zuwara per consegnare il posto di frontiera di Ras Ajdir e il complesso di Mellitah. La sensazione è che il LNA non dovrebbe avere troppe difficoltà a raggiungere gli obiettivi poiché il governo ad interim di Tobruk ha fatto sapere che si prepara a ricevere il posto di confine di Ras Ajdir con la Tunisia.

Inoltre, il LNA continua anche a mettere in opera quella che è la sua tattica preferita: fomentare o suscitare rivolte in una città o villaggio per poi intervenire chiamati dalla popolazione stessa. A riguardo, il Movimento dei figli di Jumayl ha dichiarato che la città è entrata in situazione di disobbedienza civile. È molto probabile che dopo El Agelat il LNA si diriga proprio su Jumayl, che si trova a 5km a sud di Zuwara. L’intento è quindi quello di controllare il posto di frontiera di Ras Ajdir, Jumayl, El Agelat e quindi la zona di Sabratha e Sorman. Così facendo Zuwara sarà accerchiata.

Redazione

DAESH MATRIX è il secondo volume dedicato al fenomeno dello Stato Islamico. È possibile acquistare il libro su Tabook.it