LIBIA. Le milizie di Tripoli a corto di soldi e uomini

1004

Torniamo a raccontare la guerra di Tripoli attraverso i social media. 

La situazione a sud di Tripoli, ripercorrendo gli scontri degli ultimi giorni, mostra la sua fluidità. Dopo la presa di Al Hira da parte del LNA, le forze di Haftar  sono avanzate su Aziziya da sud mentre altre sue truppe hanno preso la rotonda Sayan-Aziziya. Sempre a sud, è stato respinto un attacco del GNA su Asbiah.

Altri account indicano duri scontri a ovest dell’aeroporto con il LNA che è avanzato su Swani nel suo contrattacco dopo che aveva fermato il tentativo delle forze del GNA di riprendere la struttura. Nella zona di Khallat al Furjan il LNA è avanzato a nord del campo Yarmouk ed è arrivato nel perimetro degli edifici amministrativi. È stato registrato invece un avanzamento minimo a Ain Zara.

Dall’altro lato del fronte, si conferma la forte e complessa eterogeneità dell’alleanza del GNA. In effetti, le SDF hanno annunciato l’arresto di un membro di Daesh, detto Yasser al Majouri, nelle fila delle forze di Misurata. Inoltre, alcune fonti confermano che elementi di Hezbollah combattono nelle fila delle milizie di Misurata a Tripoli. Inoltre, il LNA ha arrestato due combattenti turchi nelle fila delle milizie di Misurata. 

D’altronde sembra che le milizie di Tripoli abbiano bisogno di ogni tipo di rinforzo visto che anche una delle principali strutture sanitarie della capitale, l’ospedale di Abu Salim, ha annunciato di non poter più ricevere morti e feriti. Le milizie rischiano anche di trovarsi a corto di denaro contante, o almeno alcune di esse, visto che il LNA ha catturato con 40 milioni di dinari Abdullah al Mashai, uno dei bracci destri di Haitham al Tajouri. 

L’ultimo gruppo di funzionari delle Nazioni Unite lascia Tripoli: la Missione delle Nazioni Unite ha chiuso il suo ufficio di Tripoli e i suoi 350 uomini hanno evacuato la sede.

Nel settore più a sud della capitale, è arrivato il 212° battaglione del LNA guidato dal generale Salim Rahil sull’asse di Aziziya. A riguardo sono segnalati avanzamenti proprio del 212° Battaglione nell’area. 

Riguardo al settore ovest, non sono segnalati molti avanzamenti, ma aerei del LNA hanno bombardato la zona del ponte di Al Zahra. Successivamente viene anche indicato che aerei del LNA hanno colpito le milizie nell’area tra Swani e Karimiyah.  

Il settore centrale è quello che testimonia i maggiori scontri e cambiamenti di mano delle diverse posizioni. Secondo account rivoluzionari, le forze della zona militare centrale del GNA sono avanzate a Khallat al Furjan, tagliando la linea di rifornimento tra Salaheddine e Qasr bin Ghashir, distruggendo quattro veicoli militari e prendendone altri due. Successivamente le zone di Al Khala, Fatima Zahra e la quarta strada sono sotto controllo del GNA completando la ripresa del distretto di Ain Zara.

Successivamente sono stati riportati dai social media  duri scontri lungo la strada per l’aeroporto e nella zona della 4a strada di Al Tawghar dietro all’aeroporto. Viene anche indicato che la milizia di Abu Salim di Gneiwa ha completamente abbandonato il campo di trasporti di Naqliyah, colpito da un violento bombardamento di artiglieria del LNA che ha distrutto le milizie del GNA che sono scappate lasciando tutto il loro materiale lungo la strada.

Il GNA ha cercato di attaccare sull’asse di Al Khalla verso la 4° strada di Swehli. Ciononostante, ad avanzare è stato il LNA che ha fatto rotta su Camp Hamza dall’altro lato di Airport road rispetto al campo Yarmouk. 

Nel settore est, un account rivoluzionario indica che aerei del GNA hanno bombardato il LNA a Tarhuna, e Suq al Ahad, sud est di Tripoli. Viene anche indicato che il GNA ha tagliato deliberatamente rifornimenti di carburante e soldi a Tarhuna.

Secondo quanto riferito, aerei del LNA hanno colpito i pezzi di artiglieria e lancia razzi delle milizie nella zona di Wadi al Rabie che colpivano la zona di Qasr bin Ghashir. 

Redazione