LIBIA. La situazione umanitaria “peggiora” con la battaglia di Tripoli

113

Dopo circa tre mesi dal lancio dell’operazione di Tripoli da parte dell’Esercito Nazionale Libico (LNA) per liberare la capitale dai gruppi terroristi, la situazione umanitaria continua a deteriorarsi e la sofferenza delle famiglie sfollate dalle loro case sta aumentando a causa della vicinanza alla linea del combattimento. Tutto ciò avviene mentre il Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia (UNICEF) ha annunciato che bambini e donne rimangono intrappolati nelle aree del conflitto mentre i combattimenti continuano.

L’organizzazione internazionale ha dichiarato che 93000 persone sono state sfollate finora e che migranti e rifugiati, compresi i bambini, sono intrappolati in centri di detenzione vicini alle linee di conflitto e in estremo bisogno di cibo, acqua, assistenza sanitaria e servizi di protezione. La situazione nei centri di detenzione per i migranti che sono stati trasferiti dai centri colpiti dal conflitto sta peggiorando, il che porta a condizioni di vita “difficili”.

Allo stesso tempo, si stanno compiendo molti sforzi per alleviare le sofferenze delle famiglie: il centro medico sul campo fornisce il supporto necessario per accelerare il salvataggio dei civili feriti e dell’esercito nelle zone di scontri a sud di Tripoli e la creazione di un secondo ospedale da campo a Khallet al-Furjan. Oltre alla fornitura di attrezzature integrate come forniture mediche, medicinali, attrezzature mediche, bombole di ossigeno, distribuzione di aiuti umanitari e alimentari e di altra assistenza per alleviare l’onere per gli sfollati.

La missione ONU nella Libia (UNSMIL) ha più volte espresso preoccupazione per il destino di circa 3500 migranti e rifugiati “vulnerabili” in rifugi vicino alle zone di combattimento in corso a sud di Tripoli. Dal 4 aprile, l’esercito libico prosegue la sua operazione militare per liberare Tripoli dai gruppi terroristici. Dall’inizio del combattimento, 739 persone sono state uccise, mentre più di 4.000 sono rimaste feriti, con 94.000 sfollati, secondo le agenzie delle Nazioni Unite.

Migliaia di rifugiati detenuti nei centri di detenzione libici sono a rischio a causa del deterioramento della situazione di sicurezza a Tripoli e dintorni, secondo un documento interno dell’ONU visto dal giornale britannico Guardian.

Il documento dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR ) e dell’Organizzazione internazionale per la migrazione, dal titolo Libya Detention Update 29 maggio 2019, ha detto che 3.919 delle 5.378 persone detenute nei centri erano “persone di interesse”, a causa di particolari vulnerabilità.

Molti migranti respinti dalla guardia costiera libica finanziata dall’UE mentre cercano di attraversare il Mediterraneo verso l’Europa vengono successivamente portati nei centri di detenzione. Secondo il documento, 4.148 di quei rifugiati nel paese sono nella zona di pericolo di sicurezza a Tripoli o nel nord-ovest. Più di un quarto (27%) sono bambini, compresi neonati e bambini piccoli.

L’UNHCR ha chiesto che tutti i rifugiati siano evacuati dai centri di detenzione. Cibo e acqua scarseggiano, condizioni come la tubercolosi sono numerose e molti stanno morendo. Un portavoce del Ministero della Salute libico, Amin Hashim, ha dichiarato, recentemente, che la situazione nei centri degli sfollati nella capitale Tripoli è diventata difficile, soprattutto alla luce della grande carenza di farmaci.

Egli ha detto in una dichiarazione a Sputnik Arabic, che i comuni stanno fornendo medicine per gli sfollati nelle scuole e nelle comunità, mentre i centri di salute subendo una grave crisi, soprattutto alla luce dell’accumulo di famiglie nelle scuole (circa 300 famiglie per scuola).

Hashim ha Confermato che ci sono circa 10 mila sfollati nella municipalità di Tajoura (11 chilometri a est di Tripoli), il che aumenta il peso della salute e l’incapacità di fornire medicinali e forniture mediche.

La crisi dei Centri di accoglienza per immigrati sta peggiorando, soprattutto perché alcuni centri erano vicini alle aree di combattimento e sono stati trasferiti ad altri centri, il che si è riflesso nella diffusione delle malattie, ha continuato Hashim.

Da parte sua, l’organizzazione dei Medici Senza Frontiere (MSF) ha espresso il suo shock per la situazione sanitaria di rifugiati e migranti in due Centri di accoglienza a Zintan e Gharyan, a sud-ovest di Tripoli, dove si sono svolti scontri dal 4 aprile 2019. Secondo l’organizzazione, i medici che visitarono i centri trovarono la loro condizione di salute “catastrofica”.

«La condizione dei migranti a Tripoli è andata di male in peggio, molti dei centri di detenzione sono stati presi nel fuoco incrociato e in alcuni casi i migranti sono stati abbandonati», ha detto Tarek Megerisi, policy fellow presso l’European Council on Foreign Relations (Ecfr), a AGC News, aggiungendo che l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) e L’Organizzazione internazionale per le migrazioni (IOM) sono riusciti a trasferire con successo coloro che erano detenuti nel sud di Tripoli, ma le loro condizioni rimangono disumane.

Marwa Mohammed
Corrispondente dal Cairo