LIBIA. Intensa attività diplomatica del Cairo per contenere la crisi

79

Mentre l’escalation militare continua intorno alla capitale libica Tripoli e la Turchia cerca di inviare militari in Libia, gli sforzi internazionali ed arabi per risolvere la crisi libica stanno accelerando, poiché includeva ampie mosse diplomatiche da parte di molti paesi, dove l’Egitto è stato uno dei primi paesi a prendersi cura dei recenti sviluppi della crisi libica.

Il presidente egiziano Abdel Fattah Al-Sisi e il presidente russo Vladimir Putin hanno concordato, il 10 gennaio, di «intensificare gli sforzi congiunti per concentrarsi sulla risoluzione della crisi attraverso un quadro globale che supporti gli sforzi per combattere il terrorismo e i gruppi estremisti, incontra le aspirazioni del popolo libico e fa la sua volontà».

Al-Sisi ha fatto una telefonata, il 10 gennaio, al presidente russo, e l’ambasciatore Bassam Radi, portavoce ufficiale della presidenza egiziana, ha dichiarato: «La telefonata ha visto uno scambio di opinioni sugli ultimi sviluppi della questione libica». Durante la telefonata, Al-Sisi ha ribadito, «la ferma posizione dell’Egitto nei confronti della necessità di porre fine alla scala delle interferenze straniere illegali nella questione libica, che mette in atto le sue ripercussioni negative sull’intera questione da tutte le parti e mina gli sforzi per raggiungere la sicurezza e la stabilità in Libia».

Da parte sua, il presidente Putin ha sottolineato che «il suo paese cerca di raggiungere una soluzione politica completa in Libia». Infatti, l’Egitto considera la decisione del parlamento turco, emessa all’inizio di questo mese, di inviare forze in Libia una flagrante violazione delle decisioni di legittimità internazionale e delle risoluzioni del Consiglio di sicurezza internazionale sulla Libia. 

Mercoledì scorso, al Cairo, si è tenuto un incontro tra cinque paesi per discutere la crisi in Libia e nel Mediterraneo. L’incontro includeva i ministri degli Esteri di Francia, Italia, Grecia e Cipro, per discutere dei recenti rapidi sviluppi sulla scena libica. Dopo l’incontro, il ministro degli Esteri egiziano Sameh Shoukry, ha sottolineato la necessità di fermare le interferenze turche in Libia e di raggiungere una soluzione politica alla crisi. Shoukry ha dichiarato in una conferenza stampa dopo l’incontro: «Le continue minacce turche di intervento militare in Libia sono un duro colpo agli sforzi internazionali che stanno cercando di raggiungere una soluzione politica».

Il ministro Shoukry ha sottolineato la necessità di fermare i combattimenti in Libia e attuare soluzioni politiche che devono essere negoziate da forze legittime, invitando la comunità internazionale a cercare di raggiungere l’armonia in Libia.

Alla luce degli sforzi egiziani per contenere la crisi libica, il ministro degli Esteri Sameh Shoukry ha dichiarato di aver consegnato al presidente algerino Abdel Majid Taboun un messaggio del presidente Abdel Fattah Al-Sisi che includeva l’invito al presidente Taboun a visitare il Cairo. Nelle sue dichiarazioni ai giornalisti dopo l’incontro con il presidente Taboun giovedì al Palazzo Mouradia, Shoukry ha aggiunto che ha trasmesso al presidente Taboun i saluti del presidente Al-Sisi.

Inoltre, Shoukry ha indicato che durante l’incontro in Algeria hanno toccato l’importanza del lavoro congiunto a livello regionale alla luce della convergenza delle opinioni tra i due paesi e delle sfide comuni, e anche il fascicolo libico è stato discusso come una delle sfide comuni più importanti per i due paesi. 

Anche, Shoukry ha sottolineato che durante l’incontro, è stato posto l’accento sull’interruzione del conflitto, e sul raggiungimento di un accordo politico che riunisse le parti. Le due parti hanno convenuto di respingere le interferenze straniere in Libia e di lavorare per impedire a qualsiasi parte straniera di interferire con ciò che ha complicato la crisi.

In precedenza, il ministero degli Affari Esteri egiziano ha tenuto un incontro con gli ambasciatori europei e americani al Cairo per informarli sulla posizione egiziana sugli sviluppi della situazione per quanto riguarda la scena libica.

Il ministero degli Esteri egiziano ha informato gli ambasciatori della sua posizione in merito all’ultimo passo relativo al mandato assegnato dal parlamento turco per inviare le forze turche in Libia, dove l’ambasciatore Mu’taz Zahran, vice ministro degli Esteri e alcuni funzionari al Ministero, hanno sottolineato che la mossa del parlamento turco viola la legittimità internazionale e le risoluzioni del Consiglio di sicurezza sulla Libia. 

Commentando gli sviluppi della situazione in Libia, il maggiore generale Samir Farag, ex direttore del dipartimento Affari morali, ha dichiarato che il presidente Abdel Fattah Al-Sisi ha contattato i capi dei principali paesi per discutere la crisi libica e il risultato di questi contatti è stato l’incontro tra i quattro ministri degli Esteri per discutere questa crisi, in rappresentanza di Francia, Italia, Cipro, e Grecia, spiegando che tutti i paesi del mondo rifiutano l’intervento militare turco in Libia.

Farag ha detto, durante una telefonata a un programma egiziano, che c’è una grande speranza per il successo della Conferenza di Berlino per risolvere la crisi libica, osservando che l’Egitto ha fatto grandi sforzi diplomatici per risolvere la crisi libica, e questo ha portato il presidente turco a ritirarsi dal suo intervento in Libia.

Nel frattempo, l’ex viceministro degli Esteri egiziano Mohamed Hegazy ha affermato che l’Egitto sta facendo intense mosse diplomatiche per aumentare al massimo il ritmo della pressione sulla Turchia, nel quadro della condanna dell’accordo di Ankara con il governo di Fayez al-Sarraj in Tripoli, spiegando che il recente incontro che ha riunito Egitto, Cipro, Grecia e Francia è una mossa diplomatica intensa che ha aumentato la pressione sulla parte turca.

Marwa Mohammed
Corrispondente dal Cairo