LIBIA. Il governo di Haftar  è illegittimo: il generale è anche cittadino americano

146

Una serie di account contrari al LNA hanno ricordato come il generale Haftar abbia un’altra nazionalità, quella americana, e stia formando un esercito e una polizia smantellando le milizie. Secondo la legge libica non è permesso a chi ha ruoli all’interno dell’amministrazione di avere un’altra nazionalità, e quindi il suo operato non è legittimo.

Occorre ricordare che Haftar ha conseguito la nazionalità americana poiché durante la guerra in Ciad è stato fatto prigioniero (nel 1987) e gli americani hanno interceduto per la sua liberazione portandolo poi negli USA dove ha vissuto fino al suo ritorno in Libia dopo la rivoluzione.  

Dal canto suo, il Capo di Stato Maggiore del LNA, Generale Al Hassi, ha dichiarato che nei prossimi giorni il Generale Haftar annuncerà la liberazione del sud.

In questi giorni si capisce come sia in aumento, o si formalizzi, una spaccatura tra le città e le tribù dell’ovest del paese. Dopo l’incontro dei giorni scorsi a Zuwara tra gli anziani e i notabili delle tribù dell’ovest, si sono susseguite le precisazioni delle diverse città riguardo alla dichiarazione finale dell’incontro, vista la sua vaghezza.

La Municipalità di Zliten, a ovest di Misurata, ha emesso una dichiarazione in cui vengono rigettati la militarizzazione dello stato e l’accordo illegale di Abu Dhabi.  

Secondo un account locale, più Haftar si avvicina a Tripoli, più si vedranno divisioni interne a città come Misurata, Az Zawia e Gharyan, allora bisognerà osservare se queste città riusciranno a unirsi contro LNA o se vincerà il loro pragmatismo. Lo stesso account continua indicando che non è chiaro se Misurata riuscirà a riunirsi contro il LNA, poiché solo così potrà combatterlo, ma ad oggi è più che duro.

Anche all’interno del GNA continuano ad aumentare le divergenze interne. Il presidente del Consiglio Presidenziale, Fayez Serraj, ha deciso di licenziare il capo di stato maggiore Abdulrahman al Taweel, al quale aveva tolto di recente il grado di generale degradandolo e ponendo fine al suo servizio nelle forze armate. La decisione era avvenuta dopo che Al Taweel aveva rigettato la degradazione a seguito della sua approvazione alle operazioni del LNA nel sud del paese. 

Redazione