Libia a ferro e fuoco

47

LIBIA – Barak. 30/12/14. Dieci persone sono state uccise e altre 15 sono state ferite giovedì notte in un’esplosione in un deposito di munizioni appartenenti all’esercito nella zona Barak, che si trova nell’estremo sud della Libia. Fonte: il governatore militare delle regioni meridionali della Libia. Fonte brnieq.

Il governatore militare, Mohammed Zahabi, ha detto che nelle regioni meridionali della Libia (Fezzan) «almeno dieci persone sono state uccise e altre 15 ferite in seguito a un’esplosione in un deposito di munizioni e armi nella zona di Barak», che si trova a circa 60 km a nord della città di Sabha. Ha spiegato che un «gruppo sconosciuto ha tentato uno sconfinamento nel magazzino che ha provocato questo sfortunato incidente». Altri incidenti sono successi la scorsa settimana provocati da uomini armati non identificati, sui tre depositi di armi e munizioni da basi e accampamenti disseminati nella zona e hanno saccheggiato moltemunizioni e di armi e sono fuggiti, secondo la stessa fonte. A Bengasi, tre soldati sono stati uccisi e almeno altri tre sono rimasti feriti dopo nuovi scontri tra le milizie e le forze dell’esercito libico
E un gruppo armato non identificato ha cercato di entrare nella città di Bengasi dall’ingresso orientale della zona di Sidi Khalifa, secondo quanto riferito da fonti mediche e di sicurezza. Il direttore della Sala Stampa della evacuazione di un ospedale di Bengasi Fadia Albergthe ha dichiarato :«L’ospedale ha ricevuto almeno tre morti e tre feriti nelle file dell’esercito libico appartenente al Corpo dei Marines.” Una fonte della sicurezza ha detto a condizione di anonimato che “le vittime sono state uccise negli scontri tra l’esercito e il gruppo armato che ha cercato di conquistare l’ingresso della città di Bengasi nella regione sud-orientale di Sidi Khalifa». La fonte non ha specificato la causa dello scoppio di scontri armati e l’identità del gruppo che sta cercando di entrare in città, ma il comandante dello squadrone nella base aerea costruita in verticale, il colonnello Nasser Busnina ha detto alla AFP che «aerei da ricognizione che stanno attualmente volando nella zona non hanno monitorato lo stato di convogli che cercano di entrare in città». D’altra parte le Nazioni Unite ha deciso di inviare un’unità speciale composta da 235 uomini in Libia per proteggere il personale e le strutture, e per il crescente deterioramento della sicurezza in questo paese, fonte diplomatica Mercoledì. Secondo l’ambasciatore cinese, Liu Jiwei, le Nazioni Unite, il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha approvato una richiesta in tal senso da parte del Segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon. Quest’ultimo ha detto nella sua lettera al Consiglio che i lavoratori delle Nazioni Unite in Libia sono «sempre più sotto la minaccia di attacchi», a causa della tensioni a Tripoli e «la mancanza di forze di sicurezza nazionali affidabili». E questa sicurezza sarà probabilmente composta da elementi delle missioni di pace delle Nazioni Unite, a guardia della sede delle Nazioni Unite a Tripoli e dalle unità di protezione. Ha aggiunto che gli elementi della unità di protezione «fungeranno da deterrente per gli estremisti ostili ai lavoratori stranieri». E sempre gli stessi, aiuteranno quando sarà necessario, evacuare la missione Onu in Libia che conta circa duecento membri. Le ambasciate hanno rinforzato le misure di sicurezza in Libia dopo l’attacco al consolato americano a Bengasi, che ha ucciso quattro americani, tra cui l’ambasciatore nel settembre 2012.