Collegamento elettrico sottomarino Italia – Libia

118

LIBIA – Tripoli 27/12/2013. Nell’ambito dei progetti per porre fine alle interruzioni di energia elettrica, il governo libico sta cercando di far posare un cavo elettrico sottomarino verso la Sicilia e così collegarsi con la rete nazionale italiana.

Annunciando la notizia il 25 dicembre, il ministro Elettricità, Ali Maihriq , non ha divulgato ulteriori dettagli, riporta il Libya Herald. L’idea di un cavo elettrico sottomarino trans-mediterraneo era stata annunciato per la prima volta dal vice primo ministro Awad Al-barasi durante il forum economico Italia-Libia nel gennaio 2013, in Al-barasi ha invitato le imprese italiane a investire in progetti di energia rinnovabile nel paese. «L’elettricità in Libia ha un futuro promettente», ha  detto Maihriq, portando ad esempio i progressi fatti con le nuove centrali elettriche. A Khalij, a est di Sirte, è in costruzione un impianto il cui avvio è previsto per il mese di giugno 2014. I lavoro sono poi stati ripresi anche nella stazione di Janzour ad ovest di Tripoli, ha detto Maihriq; si tratta, quest’ultima, di un impianto con una capacità di produrre 1.400 megawatt. Per contribuire ad affrontare le esigenze più immediate, quattro unità di generazione sono state installate a Tripoli e Zawia, che dovrebbero aggiungere 550 megawatt alla rete entro gennaio. Piani a lungo termine includono un nuovo impianto a Khoms, la cui costruzione dovrebbe essere avviata in sette mesi. Entro la fine del 2014, questi progetti, ha aggiunto Maihriq, dovrebbero creare un surplus di energia elettrica.

CONDIVIDI
Articolo precedenteEgitto. 23 Fratelli arrestati
Articolo successivoKashagan 2022