LIBIA. Ecco perché Haftar ha attaccato Tripoli

171

Account social libici rivelano i motivi dell’apertura delle ostilità su Tripoli da parte delLNA. Indicano che dopo l’incontro di Abu Dhabi Fayez Serraj aveva capito che avrebbe dovuto consegnare Tripoli al LNA, ma che non poteva farlo senza combattere. Per tale motivo, Serraj non si è poi presentato al successivo incontro di Ginevra. Sentendosi preso in giro, il generale Khalifa Haftar ha ordinato la mobilitazione delle forze verso Tripoli. Successivamente, Haftar ha deciso di attaccare il 13 marzo la zona della capitale, quando l’inviato Onu Ghassan Salamé l’ha informato della tenuta della Conferenza Nazionale prima della sua entrata a Tripoli.

Per quanto riguarda lo scenario di Tripoli in generale, aerei del LNA hanno sorvolato l’intera area a sud di Tripoli. Sono stati segnalati duri scontri tra LNA e milizie in diverse zone di Tripoli. L’ex presidente del Consiglio di Stato e membro dei Fratelli Musulmani, Abdulrahman Al Swehli, ha dichiarato che sarà sulla linea del fronte e non permetterà la caduta di Tripoli finché sarò vivo.

Account social indicano che esiste una squadra operazioni speciali del LNA denominata Al Taqir che effettua uccisioni o arresti di comandanti delle milizie a Wadi al Rabie, Ain Zara, Tawishah e Asbiah. L’unità è probabilmente quella responsabile dell’eliminazione di diversi capi milizie di Misurata e di Tripoli nel corso delle ultime settimane. Sono poi stati segnalati scontri tra LNA e milizie nell’asse di Al Hira e di Al Khalih.

Viene indicato che la milizia Al Halboos ha fallito nelle battaglie di Tripoli e ha subito gravi perdite. Quindi il suo intervento non sarebbe stato risolutore come alcuni prevedevano. Purtroppo però si apprende che sono aumentati i morti tra i civili: secondo l’Oms, il bilancio dei morti sale a 600, di cui 140 bambini.

Riguardo al settore ovest sono stati segnalati scontri nella zona di Swani e Ramlah; nel settore centrale, le milizie hanno bombardato nuovamente in modo indiscriminato Qasr bin Ghashir; sono stati segnalati duri scontri nella zona di Al Khalih e violenti scontri tra LNA e milizie all’aeroporto internazionale di Tripoli. Non sono stati segnalati altri interventi o avanzamenti da una delle due parti nella zona.

Vi sono stati continui bombardamenti del LNA su Wadi al Rabie imponendo pesanti perdite alle milizie  che successivamente hanno sparato razzi Grad dalla zona del progetto Al Mawaz cadendo su Wadi al Rabie e Al Kahila; mentre le forze speciali del LNA hanno respinto un attacco delle milizie Halboos e delle forze di Juwaili che hanno attaccato con 200 mezzi vicino Aziziya.

Redazione