Cirenaica, primo stato ferale della Libia

66

LIBIA – Tripoli. 24/10/13. La Libia è nel caos oggi a Bengasi oggi è stato ucciso il colonnello Adel Khalil Ataiwahani, pilota, morto sul colpo dopo essere stato colpito da uno sconosciuto davanti a casa.

La scorsa settimana era stato ucciso il direttore della polizia militare dell’esercito libico di fronte alla sua casa. Domenica 13 ottobre sempre a Bengasi ci sono stati due attentati. Tra l’altro girano voci secondo cui il premier ad interim, Ali Zeidan sta per affrontare un voto di sfiducia da parte del Congresso generale nazionale per la sua incapacità di gestire la crisi economica di questi ultimi mesi che ha visto di giorno in giorno diminuire l’estrazione di petrolio a fronte delle proteste che hanno portato alla chiusura di porti e ridotto le esportazioni di petrolio della Libia membro OPEC.
Sempre oggi è attesa la nascita del governo di Cirene, nuovo “stato” nello stato libico. A darne notizia il giornale quryna secondo cui, appunto, oggi dovrebbe essere ufficializzata la nascita della Cirenaica composto da due reggenti e venti ministri. La fonte ha spiegato che la scelta dei reggenti e dei ministri è stata consensuale, sottolineando che la maggior parte dei personaggi ha trovato un ampio consenso. È interessante notare che l’Ufficio Politico del territorio della Cirenaica ha annunciato la scorsa settimana che c0erano i presupposti per dare vita alla formazione di un governo di gestione del territorio della mini Cirenaica sotto la supervisione dell’Ufficio Politico, l’Ufficio Esecutivo guidato da Abed Rabbo Hamid Barasi, ed è stato assegnato al colonnello Najib Soliman, la leadership dei compiti forza della difesa del territorio della Cirenaica. I centri di potere dovrebbero esser a Ras Lanuf, città petrolifera per eccellenza, provincia dei territori federali da un lato, a dirlo in una riunione convocata dal movimento di giovani Cirenaica, dove si è discusso anche di informazioni sul calo delle esportazioni di petrolio provenienti dai porti della regione di 1,6 milioni di barili a seicentomila barili al giorno.