Bonifica a rischio in Libia

32

LIBIA – Misurata 01/09/2013. La bonifica di munizioni e armi da 43 bunker non sicuri  in una zona gravemente danneggiata dai bombardamenti della NATO nel 2011, è messa in forse da un deficit finanziario. 

Undici dei bunker di stoccaggio di munizioni sono stati «completamente bonificati» dalle squadre della ong internazionale Handicap International (Hi), in un’operazione finanziata dal Ministero degli Affari Esteri tedesco. Il finanziamento, tuttavia, finirà nel mese di dicembre 2013.

Il lavoro è stato iniziato su richiesta del consiglio militare locale di Misurata, in seguito alla morte di un uomo che stava raccogliendo rottami di metallo in prossimità dei bunker.

Hi sta ora cercando finanziamenti per continuare a bonificare le restanti armi e munizioni dai 32 bunker dei villaggi circostanti a partire da gennaio 2014.

«Una priorità per la Libia deve essere la rimozione e la distruzione di tutti gli ordigni inesplosi e abbandonati», ha detto Paul McCullough, capo di Handicap International Libya Operations: «Dopo tutto quello che questo paese ha visto negli ultimi due anni, l’ultima cosa di cui la gente ha bisogno è la paura di invalidità, o peggio la perdita di vite umane, per ordigni inesplosi». I finanziamenti sta cominciando a terminare per molte agenzie di sminamento che lavorano in Libia . Nel mese di luglio le United Nations Mine Action Service (Unmas) ha annunciato che il deficit 18,5 milioni di dollari nel finanziamento significava la non rimozione di mine e ordigni inesplosi nel paese.