Libia, al-Bargathi rimosso: troppe armi in giro

43

LIBIA – Bengasi. 29/03/13. Mohamed al-Baghdatii, l’ex ministro della Difesa libico è stato rimosso dal suo incarico. A riferirlo è stato il Primo ministro libico, Ali Zidan.

Il quale ha asserito che ha detto che il suo ministro della Difesa, Mohammed al-Bargathi sarà rimosso dal suo incarico a seguito di feroci scontri tra milizie rivali nella capitale, Tripoli, in cui 10 persone sono state uccise e vi sono stati più di 100 feriti. Zidan ha detto che il suo governo e l’Assemblea nazionale si era impegnata a ripulire strade della Libia dalle armi, e ha definito la violenza ripetuta che affligge Libia come: «scene suicide». Forti esplosioni e spari hanno scosso Tripoli fino a tarda notte mercoledì, il secondo giorno di violenza nella città segnato dalle battaglie, mettendo in evidenza le rivalità tra gruppi armati composti da ex combattenti ribelli da diverse

parti del paese. Il Signor al-Bargathi aveva già presentato le sue dimissioni il mese scorso dopo che alcuni dei gruppi assediati due ministeri. Tuttavia, è stato convinto a restare. Ma dopo gli incidenti di mercoledì, Zidan ha detto che è stata presa la decisione di accettare le dimissioni del ministri. In una dichiarazione televisiva Zidan ha detto che un nuovo ministro sarà nominato «il più presto possibile». Egli ha inoltre annunciato che un nuovo capo dell’esercito sarà nominato al posto di Yussef al-Mangoush dimesso all’inizio di questo mese a seguito di scontri mortali nella città orientale di Bengasi. Secondo il ministro della Salute Nurideen Doghman, negli ultimi scontri cinque persone sono state uccise e 97 ferite in scontri di mercoledì. Gli animi si sono riscaldati martedì quando ad una milizia ha attaccato un importante giacimento di petrolio protetto da una forza nazionale istituita per proteggere le installazioni petrolifere in tutto il paese.

Il Primo Ministro ha detto che tali incidenti che avvengono perché vi sono troppe armi in giro e devono smettere. «Garantire la sicurezza non significa starsene seduti con un’arma. Significa sostenere l’unità della nazione e dei suoi organi legittimi, ‘Zidan ha aggiunto».

Ha detto che il suo governo e il Consiglio generale della nazione, avevano deciso, «per prendere le misure necessarie per disarmare i civili», di prendere in consegna le armi per essere consegnati alle forze armate.

I rapporti indicano inoltre che il Mercoledì, in un altro incidente nel sud della città del deserto di Sabha, due persone sono morte e 17 sono rimaste ferite quando autobombe sono esplose in due dovere aree.