Leonte: il comando alla Sassari

13

LIBANO – Shama 19/04/2016. La Brigata “Sassari” è subentrata alla Brigata alpina “Taurinense” al comando dell’operazione “Leonte” nell’ambito della missione Unifil (United Nations Interim Force in Lebanon), la forza di interposizione della Nazioni Unite nel Sud del Libano.

Il generale Luciano Portolano, capo missione e comandante delle forze Onu nel Libano meridionale, ha sovrinteso alla cerimonia di passaggio di responsabilità tra il generale Franco Federici e il parigrado Arturo Nitti, comandante della Brigata “Sassari”, alla presenza del Capo di Stato Maggiore della Difesa, generale Claudio Graziano. La Brigata “Sassari”, alla sua prima missione in Libano con i colori delle Nazioni Unite, assume il comando del settore Ovest di Unifil in cui operano 3.700 “caschi blu” di 12 nazioni. Del contingente multinazionale fanno parte 1.000 militari italiani, metà dei quali appartenenti alla Brigata “Sassari”, che opereranno insieme ai “peacekeepers” di Armenia, Brunei, Corea del Sud, Estonia, Finlandia, Ghana, Irlanda, Malesia, Serbia, Slovenia e Tanzania.
Il mandato di Unifil consiste nel garantire il rispetto della risoluzione 1701 del 11 agosto 2006 del Consiglio di Sicurezza dell’Onu. La risoluzione prevede il monitoraggio della cessazione delle ostilità tra Israele e Libano, l’assistenza al governo libanese nell’esercizio della propria sovranità sul territorio e nel garantire la sicurezza dei propri confini, in particolare dei valichi di frontiera con Israele. Unifil, inoltre, ha il fine di assistere la popolazione civile e sostenere le forze armate libanesi nelle operazioni di sicurezza e stabilizzazione dell’area per prevenire un ritorno delle ostilità e creare le condizioni per una pace duratura. Il generale Nitti è a capo della Joint Task Force Lebanon – Sector West, un contingente di 3.700 caschi blu di 12 nazionalità schierato nella regione ovest del “Paese dei cedri”, un’area delimitata dal fiume Litani a nord e dalla “Blue line”, la linea di demarcazione che separa il Libano da Israele, a sud.