Lo Yemen causa tensioni nel governo libico

32

LIBANO – Beirut. 01/04/15. La critica di Hezbollah al discorso del Primo Ministro Salam Tammam al vertice annuale della Lega araba non aprirà una crisi nel Governo. A dirlo il ministro dell’Informazione Ramzi Joreige. Fonte Daily Star Libano.

«Domani la sessione del Governo, e forse dei ministri di Hezbollah solleveranno la questione, ma io non credo che l’ [obiezione] sarà ripresa da altri ministri», ha detto ad Al-Arabiya Tv il minsitro Joreige. L’obiezione al discorso di Salam prima del vertice era venuto solo da due ministri di Hezbollah, il ministro dell’informazione ha detto, notando che i principali alleati del partito di governo non condividono il risentimento. Il Movimento Patriottico Libero, principale partner della coalizione di Hezbollah, ha accolto i commenti di Salam, come indicato dai suoi rappresentanti al Gabinetto – ha detto il ministro dell’Istruzione Elias Bou Saab e il ministro degli Esteri Gebran Bassil – che hanno partecipato al vertice a fianco del premier, secondo Joreige. Il Minstro dell’Informazione Joreige ha respinto le argomentazioni di Salam sostenendo che non rappresentano la posizione ufficiale del Libano sulla crisi nello Yemen, dicendo che la Costituzione prevede che il premier «rappresenta il governo e parla in suo nome». Segni di una nuova crisi all’interno del Governo libanese è emersa lunedì dopo che un ministro di Hezbollah ha criticato il discorso di Salam a un vertice della Lega araba, sostenendo che è giustificata l’«aggressione allo Yemen e alla sua gente». Il ministro dell’Industria Hussein Hajj Hasan, uno dei due ministri che rappresentano Hezbollah nel governo di 24 membri, ha detto che il discorso di Salam al vertice arabo non rappresenta la posizione ufficiale del Libano e non è stato discusso dal Consiglio dei Ministri. Ha detto che avrebbe sollevato le obiezioni di Hezbollah al discorso di Salam in occasione della prossima sessione dei Ministri prevista per giovedì. Al termine del loro vertice di due giorni tenutasi nella località egiziana di Sharm el-Sheikh Domenica, i leader arabi hanno espresso sostegno per l’intervento militare saudita guidato contro Houthi sostenuti dagli iraniani nello Yemen e hanno concordato la creazione di una forza araba congiunta. Nel suo discorso al vertice, Salam ha evitato di prendere una posizione chiara a favore o di diniego per l’alleanza guidata dai sauditi, una mossa per scongiurare una spaccatura all’interno del Governo «la formazione di una forza araba congiunta di lotta il terrorismo e la salvaguardia della sicurezza pan-araba». Questo è stato considerato da Hezbollah come un supporto implicito per l’azione militare saudita.