LIBANO. Avvicendamenti nel contingente italiano UNIFIL

119

Il 29 giugno, l’ambasciatore italiano in Libano, Massimo Marotti, ha fatto visita presso il quartier generale del contingente italiano impiegato nella missione Unifil.

Il Generale di Brigata Francesco Olla, Comandante dei caschi blu italiani che dal 27 aprile 2017 compongono la Joint Task Force – Lebanon con l’Operazione “Leonte XXII”, ha accolto l’Ambasciatore presso la base di Shama intitolata alla Medaglia d’oro al valor militare, Sottotenente Andrea Millevoi.

La visita è stata l’occasione per il Comandante di confrontarsi con il massimo rappresentante nazionale nella Terra dei cedri circa la complessa e attuale situazione in Medio Oriente, nonché dell’operato del contingente su base Brigata “Granatieri di Sardegna” nell’ambito dei compiti assegnati dalla Risoluzione n.1701 del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite del 2006.

L’Ambasciatore, durante l’incontro con il Generale Comandante e gli ufficiali superiori della base, ha dichiarato: «L’impegno delle nostre Forze Armate, nel corso degli anni, ha dato un contributo che la gente sente, e se in Libano si è ricominciato a lavorare per il futuro è anche perché ci sono stati un migliaio di militari che hanno contribuito ad offrire quel fondamentale senso di sicurezza e stabilità. Nessun altro ha fatto quanto i militari italiani qui, tutti voi avete contribuito a questo».

Gli uomini e donne delle Forze Armate italiane, che dal 2006 vestono lo status di peacekeeper,  hanno come obiettivi principali il monitoraggio costante della Blue Line al fine di garantire la cessazione delle ostilità tra Libano e Israele; il supporto alla popolazione locale, attraverso la funzione operativa di cooperazione civile-militare (Cimic); il supporto alle Forze Armate libanesi dislocate a sud del fiume Litani, attraverso il coordinamento, la pianificazione e l’esecuzione di attività addestrative e operative congiunte.

Il giorno precedente l’ambasciatore Marotti era presente, presso il Comando della missione delle Nazioni Unite in Libano, all’avvicendamento alla guida della Task Force “Italair” e del Contingente Italiano a Naqoura. Dopo circa 15 mesi di attività il Colonnello Giovanni Maria Scopelliti ha ceduto il comando al parigrado Giuliano Innecco proveniente dal Comando Aviazione Esercito.

Fondata nel 1979, Italair è l’unità più antica della missione Unifil, nonché l’unico reparto di volo interforze schierato dall’Italia in un Teatro Operativo estero, e durante i suoi 39 anni ha effettuato più di 40.000 ore di volo per il mantenimento della pace nel sud del Libano.

Redazione