Libano: attività per la popolazione civile

50

di Redazione  03/12/2016. Sono state effettuate nei giorni scorsi diverse attività di aiuto alla popolazione da parte dei militari italiani di stanza in Libano nel Sector West di Unifil.
Tra le prime attività svolte c’è stata quella di prevenzione dentaria, effettuata da personale qualificato in collaborazione con le scuole primarie del sud del Libano, e tesa ad informare i giovani studenti sull’importanza di una corretta igiene dentaria. Al termine di ogni lezione sono stati distribuiti agli alunni dei kit per la pulizia orale.
Importante il sostegno fornito anche agli istituti scolastici. In particolare sono stati donati arredi e pavimentazioni la scuola “Jbal Amel” a Buj Ash Shamal e la scuola pubblica nella municipalità di Majdal Zun e sono stati donati giochi all’asilo comunale. Le attività sono state realizzate grazie al materiale donato al contingente italiano dall’Associazione internazionale Regina Elena Onlus e ai progetti sviluppati dalla cellula di cooperazione civile-militare del Sector West di Unifil.
Al momento Italbatt è affidato al reggimento “Genova Cavalleria” (4°) al comando del colonnello Angelo Di Domenico, con assetti anche del reggimento “Lancieri di Novara” (5°) e del 132° reggimento artiglieria” Ariete”. L’attuale missione italiana in Libano è a guida Brigata di cavalleria “Pozzuolo del Friuli” con il compito di far rispettare e applicare la risoluzione 1701 del consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.