L’Ecosostenibilità potrebbe creare dai 15 ai 60 milioni di posti di lavoro

34

La trasformazione verso un’economia più verde potrebbe generare 15 a 60 milioni di nuovi posti di lavoro a livello globale nei prossimi due decenni e sollevare decine di milioni di lavoratori dalla povertà, a riferirlo il nuovo rapporto del Green Jobs Initiative voluto dall’ILO.

Secondo lo studio “Lavorare per lo sviluppo sostenibile: opportunità di lavoro dignitoso e di inclusione sociale in una economia verde” questi risultati dipendono solo dalle politiche messe in atto. «Il modello di sviluppo attuale – si legge nel rapporto – ha dimostrato di essere inefficiente e insostenibile, non solo per l’ambiente, ma per le economie e le società». Per il Direttore Generale dell’ILO, Juan Somavia: «Abbiamo urgente bisogno di passare ad un percorso di sviluppo sostenibile con un insieme coerente di politiche che metta le persone e il pianeta al centro del progetto». Il rapporto – pubblicato quasi quattro anni dopo il primo studio dal Green Jobs Initiative – esamina l’impatto che il ecologica dell’economia può avere sull’occupazione, sui redditi e lo sviluppo sostenibile in generale. Almeno la metà della forza lavoro globale – l’equivalente di 1,5 miliardi di persone – saranno interessate dalla transizione verso un’economia più verde. Mentre i cambiamenti si faranno sentire in tutta l’economia, otto settori chiave sono tenuti a svolgere un ruolo centrale ed essere maggiormente colpiti: agricoltura, silvicoltura, pesca, energia, alta intensità di risorse di produzione, riciclaggio, edilizia e trasporti. Come ha spiegato Somavia: «Decine di milioni di posti di lavoro sono già stati creati da questa trasformazione. Ad esempio, il settore delle energie rinnovabili oggi impiega vicino a 5 milioni di lavoratori, più che raddoppiando il numero di posti di lavoro da 2006-2010. L’efficienza energetica è un’altra importante fonte di posti di lavoro verdi, in particolare nel settore delle costruzioni, il settore più colpito dalla crisi economica. Negli Stati Uniti, tre milioni di persone sono impiegate in beni e servizi ambientali. In Spagna, ora ci sono più di mezzo milione di posti di lavoro in questo settore. Incrementi netti dell’occupazione nell’ordine di 0,5 – 2 per cento del totale degli occupati sono possibili. Nelle economie emergenti e nei paesi in via di sviluppo, i guadagni sono più elevati rispetto ai paesi industrializzati. Il Brasile ha già creato poco meno di tre milioni di posti di lavoro, pari a circa il 7 per cento dei posti di lavoro totali».