Le nuove spie tedesche

82

di Antonio Albanese  GERMANIA – Berlino 22/10/2016. Il Bundestag ha approvato la riforma del principale servizio di intelligence del paese, il Bundesnachrichtendienst (Bnd). La nuova normativa rafforza il controllo del governo delle attività di intelligence mentre esplicitamente consente al And di effettuare certi tipi di attività di sorveglianza.
La riforma arriva sulla scia delle rivelazioni fatte da Edward Snowden sulla collaborazione tra un certo numero di servizi di intelligence occidentali, tra cui il Bnd, e la Us National Security Agency (Nsa) e che la Nsa aveva spiato i suoi alleati, riporta Dw. Le rivelazioni portarono alla creazione di una commissione parlamentare tedesca tesa a elaborare le riforme delle agenzie di intelligence.
La nuova normativa sottopone il Bnd al monitoraggio da parte di un “gruppo indipendente” composto da due giudici, un procuratore federale e un “commissario permanente” nominato dal ministero dell’Interno. Si prevede che la sorveglianza delle reti di comunicazione internazionali deve essere autorizzata dalla Cancelleria, e non più in autonomia ed esplicitamente vieta lo spionaggio economico e industriale.
Le nuove leggi prevedono inoltre una migliore protezione per gli informatori all’interno dei servizi di intelligence e prevede che il Bnd sia sottoposto ad audizioni pubbliche annuali, invece che segrete, come in precedenza.

La riforma permette esplicitamente al Bnd di effettuare operazioni di spionaggio presso le istituzioni dell’Ue e gli altri Stati membri dell’Ue, se sono finalizzate a raccogliere «informazioni importanti per la politica estera e di sicurezza» della Germania.
La riforma consente inoltre al Bnd di collaborare con i servizi segreti stranieri come la Nse per scopi specifici, tra cui la lotta al terrorismo, di sostenere l’esercito tedesco in missioni estere o la raccolta di informazioni relative alla sicurezza dei tedeschi all’estero.
La legislazione è stata approvata con i voti della coalizione di governo, che avrebbe così risposto allo scandalo Snowden, creando un servizio capace di garantire la sicurezza della Germania.

L’opposizione, tramite il partito della Sinistra e i Verdi, hanno votato contro la legislazione, dicendo che invece di frenare il Bnd, si premia il servizio di intelligence tedesco con nuovi poteri e che la nuova legge porterà con sé la violazione dei diritti delle persone al di fuori della Germania.