Cina: disoccupazione urbana al 4,1%

45

CINA – Pechino. 25/01/14. Il tasso di disoccupazione “urbana” della Cina si è attestato intorno al 4,1 per cento nel 2013, a dirlo il Ministero delle Risorse Umane e della Previdenza Sociale in una conferenza stampa ieri.

Il tasso di disoccupazione è arrivato fino al 4,05 per cento alla fine del quarto trimestre, dal 4,04 per cento alla fine del precedente periodo di tre mesi, ha riferito il portavoce del ministero, Li Zhong nella conferenza stampa. Creati anche nuovi posti: 13,1 milioni di nuovi posti nelle aree urbane, e 5.660.000 persone sono state re-impiegate dopo aver perso il lavoro. Fonte ministero. I ricavi lordi dei fondi di assicurazione sociale è aumentato del 13,8 per cento anno su anno a 3.290 miliardi di yuan (539.030 milioni dollari), mentre la spesa lorda pari è pari a 2.650 miliardi di yuan, in crescita del 19,6 per cento rispetto a un anno fa, ha detto Li. I Fondi di assicurazione sociale della Cina si basano su 5 pilastri: fondi pensione di base, assicurazione medica di base, l’assicurazione disoccupazione, assicurazione infortuni sul lavoro e maternità. Assunti anche 14.000 ricercatori post -dottorato e contratti in formazione per 15.000 tecnici, così come la costruzione di 644 nuove workstation per la ricerca di posti di lavoro. Secondo i dati del ministero, 20.490.000 di posti di lavoro in formazione sono stati sovvenzionati nel 2013, e i tirocinanti disoccupati urbani registrati ammontano a 3.980.000. Migliorate le condizioni di lavoro dei dipendenti: nel 2013 lo standard di salario minimo nelle 27 regioni è stato sollevato del 17 per cento . Le organizzazioni di supervisione della sicurezza del lavoro hanno verificato 418.600 casi di illegalità, controllati 2.020.000 datori di lavoro e ha chiesto contratti per 5.120.000 dipendenti, recuperato stipendi di 26,85 miliardi di yuan e le assicurazioni sociali di 3,48 miliardi di yuan.