L’arabico cinese a Dubai

68

di Graziella Giangiulio  EAU – Dubai. 31/10/2016. Se siete degli amanti del caffè arabico, attenzione alla provenienza. Per esempio andando negli Emirati Arabi Uniti avrete una sorpresa: il caffè sarà made in Cina. La DMCC, l’autorità del governo di Dubai per il commercio, delle imprese e delle materie prime, ha firmato un accordo con la Capitale Mega Halal (MCH), una holding di Hong Kong, per importare il caffè ogni anno dalla Cina Yunnan State Farms Group. L’import ovviamente non riguarderà solo gli Emirati ma da qui il caffè cinese andrà in tutto il mondo. L’accordo vedrà MCH esportare fino a 140.000 tonnellate di Arabica dai cinesi da parte della State Farms Group Yunnan a Dubai. L’autorità di Dubai ha riferito che nascerà inoltre negli Emirati un centro di per il caffè ricalcando le orme del successo del Tea Centre DMCC, che ha permesso gli Emirati Arabi Uniti di diventare il più grande ri-esportatore di tè in tutto il mondo.

Il Centro Caffé DMCC offrirà stoccaggio e magazzinaggio servizi, uffici e spazi di co-locazione di un impianto controllato 4.500 mq di temperatura. L’accordo è stato firmato a Shanghai dopo una settimana di incontri il 29 ottobre.