L’amico d’inverno: Melograno

104

di Graziella Giangiulio ITALIA – Roma 06/11/2016. Negli ultimi anni il melograno è diventato di tendenza. In America lo hanno inserito nella categoria dei super cibi, ovvero quelli che oltre che a nutrire sono “curativi”. Ma cosa ha di tanto speciale? Famoso in Medio Oriente sin dall’antichità per le sue proprietà curative ora viene utilizzato come coadiuvante nelle cure per le malattie cardiache, l’ipertensione, l’infiammazione e alcuni tipi di cancro, compreso il cancro alla prostata. Il melograno è una buona fonte di fibre. E contiene anche le vitamine A, C ed E, ferro e altri antiossidanti (in particolare tannini). Secondo la British Dietetic Association (BDA) uno studio 2013 ha trovato prove che il melograno rafforza le ossa e contribuisce a prevenire l’osteoporosi. L’esperimento però è stato fatto solo su cavie animali e non sulle persone. Dal punto rivista biologico i topi e l’essere umano sono molto simili ma non vi è certezza che si abbiano gli stessi risultati con gli esseri umani. Un altro studio del 2006 effettuato su pazienti volontari ha rilevato che bere 227ml al giorno di succo di melograno,  rallenta in modo significativo l’avanzamento del cancro alla prostata negli uomini con cancro alla prostata ricorrenti. Uno studio del  2013 ha somministrato a pazienti volontari compresse di estratto di melograno prima di un intervento chirurgico di tumore alla prostata. Benché il tumore si sia ridotto secondo i ricercatori i risultati non sono statisticamente significativi. Più importanti invece i risultati delle sperimentazioni sui pazienti che soffrono di stenosi carotidea (arterie ostruite). Uno studio del 2004 ha trovato che un 50 ml al giorno di succo di melograno in tre anni riduce i danni causati dal colesterolo nelle arterie di quasi la metà, e migliora i valori di colesterolo.
Uno studio ben condotto dal 2005 su 45 pazienti con malattia coronarica ha dimostrato che un 238ml al giorno di succo di melograno somministrato per più di tre mesi ha migliorato il flusso di sangue al cuore e un minor rischio di infarto. In ogni caso secondo il BDA gli studi non attestano ancora i benefici del melograno, nel senso che sono ancora insufficienti. Di certo, fanno sapere dal BDA 150ml di succo di melograno al giorno aumentano il valore nutrizionale della dieta. Andrebbe considerato come uno dei “5” succhi da bere al giorno, rigorosamente senza zucchero. Inoltre si potrebbe aggiungere dei semi di melograno a piatti freddi e insalate. Un modo sano e appetitoso per aumentare il valore nutrizionale del vostro pasto.