La nuova dottrina politico-militare uzbeca

25

La camera bassa dell’Uzbekistan ha approvato la nuova visione strategica proposta dal presidente Islam Karimov.

La nuova strategia uzbeca prevede che Tashkent esca da tutte alleanze militari e bandisce la presenza di basi militari straniere nel suo territorio. L’Uzbekistan rigetta qualsiasi alleanza militare e si «riserva il diritto di aderire o meno ad una coalizione internazionale, se questa diventasse un’alleanza militare». Secondo il documento presidenziale, il Paese non ospiterà nessuna base militare straniera, un fatto che alleggerisce le preoccupazioni di Mosca nate da quando Tashkent potesse collaborare con la Nato, dopo aver sospeso la propria partecipazione con la omologa struttura a guida Russa, la Csto, nello scorso giugno. Questa mossa era stata percepita da Mosca come l’apertura ad una possibile collaborazione con gli Usa. Il documento prevede che l’Uzbekistan non partecipi ad alcuna missione militare all’estero. Il documento Karimov passerà alla camera alta del Parlamento alla fine di Agosto.