Censura kuwaitiana agli Usa

34

KUWAIT – Kuwait city 01/04/2014. Il governo del Kuwait ha censurato un alto funzionario degli Stati Uniti per aver accusato un ministro dello stato del Golfo di finanziamento ai combattenti jihadisti in Siria, riportano il 1 aprile i media locali.

«Il governo ha seguito con grande attenzione e con grande dispiacere le accuse mosse da un funzionario degli Stati Uniti … contro ministro della Giustizia e della Awqaf (dotazione islamica)», Nayef al- Ajmi , si legge nel comunicato. David Cohen , sottosegretario Usa al Tesoro per il terrorismo e l’intelligence finanziaria, aveva detto che la nomina di Ajmi «era un passo nella direzione sbagliata (…) Ajmi ha una storia di promotore della jihad in Siria». «La sua immagine è apparsa suI manifesti per la raccolta di fondi di un importante finanziatore del Fronte Al – Nusra» avrebbe detto Cohen in una conferenza, riferendosi ai gruppi  affiliati ad al -Qaeda che combattono il regime siriano. Parti dell’intervento sono state riportate nei media kuwaitiani pese che è considerato uno stretto alleato degli Stati Uniti. La dichiarazione del gabinetto riporta che Ajmi avvrebbe spiegato la sua posizione durante una riunione di governo sempre il 1 aprile in cui aveva categoricamente negato le accuse. Ajmi, ex vice decano del collegio studi islamici dell’Università del Kuwait, è stato nominato nel governo a gennaio.