Temporaneo deficit fiscale negativo per il Kuwait

17

KUWAIT – Kuwait city 16/09/2016. Il Kuwait registrerà deficit fiscali, e il saldo di bilancio riporterà le eccedenza nel 2019, sulla scia del recupero dei prezzi del petrolio. Sono questi i dati del nuovo rapporto di Bmi Research, società del gruppo Fitch.

Bmi Research ha detto che il debito pubblico del Paese rimarrà trascurabile nel prossimo decennio, nonostante il prezzo relativamente basso del prezzo del petrolio, una media di 67 dollari per barile nel corso dei prossimi dieci anni.
Nel report si aggiunge che le autorità kuwaitiane cercheranno di aumentare i ricavi non-oil e il governo dovrebbe introdurre l’Iva insieme al resto del Gcc entro il 2018: «Queste misure non riusciranno a compensare la riduzione dei ricavi del petrolio, e abbiamo previsto un fatturato complessivo di recuperare al loro livello 2014 solo alla fine del prossimo decennio», si leg enel report, citato da Arabian Business. Sul fronte della spesa, il Kuwait implementerà solo riforme limitate, perché il suo parlamento tende a bloccare molti dei tagli mirati del governo, e le riserve in valuta estera potranno limitare il rischio di una crisi fiscale.
Le attività estere detenute dal fondo sovrano pari a 592 miliardi di dollari, alla fine del 2015, secondo il Sovereign Wealth Fund Institute, saranno più che sufficienti a coprire i deficit di bilancio temporanei previsti.
Il rapporto afferma che la spesa pubblica aumenterà ad un ritmo molto più lento rispetto a quello registrato negli ultimi dieci anni. Tra il 2006 e il 2015, la crescita della spesa è stata in media del 18 per cento, ben al di sopra del 0,5 per cento medio di previsione per i prossimi 10 anni.
Bmi Research afferma che con il calo delle entrate e con tagli limitati alla spesa, si può prevedere un temporaneo bilancio fiscale negativo nel 2016. «A nostro avviso, il governo kuwaitiano dovrà affrontare solo tre anni di deficit (2016, 2017 e 2018). Dal 2019, i prezzi del petrolio avranno recuperato abbastanza perché il bilancio del paese torni a registrare delle eccedenze ». Come altri paesi del Gcc, l’equilibrio fiscale del Kuwait dipende dalle esportazioni di idrocarburi; i proventi del petrolio hanno rappresentato oltre il 90 per cento di tutte le entrate del governo per più di dieci anni.