Kuwait: complotto contro famiglia reale

58

KUWAIT – Kuwait City. 10/04/14. Kuwait in subbuglio per colpa di un video in cui ci sarebbero le prove di un complotto di alti finzioni per destabilizzare l’ordine e contro la corte reale.

Ma oggi la corte reale del Kuwait è scesa in campo per un appello alla calma rispetto alla notizia di ieri. L’appello arriva due giorni dopo che lo sceicco Ahmad Fahad Al Sabah, un membro anziano della famiglia ed ex ministro, è stato interrogato dal pubblico ministero per cinque ore in merito al nastro, e che ha detto di aver consegnato ai leader del Kuwait. I media locali hanno riferito che il nastro contiene un segmento in cui gli ex funzionari tramano contro il regime, governata da Al Sabahs per più di 250 anni. Il Diwan Amiri (la corte) ha riconosciuto che ci sono state segnalazioni di un nastro e ha detto che la questione «è attualmente gestita dal pubblico ministero». Nella sua breve dichiarazione ha detto che «fa appello a tutte le persone di evitare di discutere il problema e lasciare al pubblico ministero adottare le misure necessarie». Esso non ha fornito alcun dettaglio. Dopo il suo interrogatorio, Sheikh Ahmad ha detto che il procuratore aveva una videocassetta in cui erano trattate le questioni finanziarie e politiche, nonché quelle legate alla famiglia regnante e ancora su questioni regionali. Un certo numero di parlamentari e l’opposizione hanno chiesto un’indagine immediata sulla questione e ha chiesto che il governo riveli il contenuto del video. Un membro del parlamento,  Ali Al Rashed, ha chiesto al primo ministro Sheikh Jaber Mubarak Al Sabah se il video include un complotto per rovesciare il regime e ha chiesto i nomi delle persone coinvolte in ogni cospirazione. Nel frattempo, un certo numero di parlamentari ha fatto appello alla calma invitando la gente a consentire alla magistratura di affrontare il problema. Dal 200 , il Kuwait è stato scosso da una serie di dispute politiche tra il governo e parlamentari dell’opposizione. Circa una dozzina di governi sono stati formati e il parlamento è stato sciolto in sei occasioni. Dopo Luglio le elezioni parlamentari, nelle quali i candidati filo-governativi ha guadagnato la maggioranza in il Kuwait si è registrata una cera calma.