KRG estende il contratto con Ankara

13

IRAQ – Kurdistan. 08/06/14. Il Governo regionale del Kurdistan (KRG) nel Nord Iraq ha la possibilità di estendere il suo accordo con la Turchia per vendere il suo petrolio, a darne conferma, dopo le voci, circolate nelle scorse settimane, il canale televisivo turco Haber7 , che ha citato come fonte il Primo Ministro del KRG, Nechirvan Barzani, il 5 giugno.

Egli ha sottolineato che è stato firmato il contratto di vendita del petrolio con Ankara per il periodo di 50 anni, ma Erbil [la capitale del KRG] potrebbe estenderlo. Il primo ministro ha aggiunto che il governo centrale iracheno ritiene che l’accordo energetico con Ankara è un tentativo di distruggere l’economia irachena e un passo verso la secessione dall’Iraq.
«Le nostre richieste al governo centrale sono molto chiare: in base alla costituzione irachena, il KRG deve ottenere il 17 per cento dei ricavi derivanti dalla vendita di petrolio iracheno», ha sottolineato Barzani in contraddizione con le affermazioni del governo centrale. Le relazioni tra il governo centrale di Baghdad e il KRG sono state tese dopo la sigla dell’accordo con la Turchia nel 2012. Nonostante il fatto che il 17 per cento del fatturato del KRG si suppone provenga dalla vendita di petrolio, Baghdad si oppone dando agli enti locali il diritto di autonomia sugli idrocarburi esportazione e fa firmare contratti sulla loro esplorazione e produzione.
Il governo centrale iracheno e il KRG sono riusciti anche a raggiungere un accordo sul cumulo dei redditi petroliferi. Le autorità irachene sostengono che i ricavi dalla vendita petrolio prodotto nel territorio del KRG devono essere trasferiti sul conto speciale negli Stati Uniti. Eppure, la leadership KRG ha ripetutamente affermato che i proventi del petrolio saranno conservati nei conti del Halkbank, della Turchia. La Turchia ha iniziato ad esportare petrolio dal nord dell’Iraq ai mercati internazionali il 23 maggio 2014, il ministro turco dell’Energia e delle Risorse Naturali Taner Yildiz, ha detto. Yildiz ha anche detto il 3 gennaio 2014 che il KRG nel nord dell’Iraq ha iniziato la fornitura di petrolio alla Turchia, ma questo olio non viene fornita al mercato europeo senza il consenso di Baghdad.