KOSOVO. Thaci visita l’area serba e Belgrado allerta l’esercito

185

Il presidente del Kosovo ha visitato il 29 settembre un’area del paese contesa con la Serbia, prevalentemente abitata da popolazioni di etnia serba nel nord del paese, innescando le proteste di Belgrado, va ricordato che solo tre settimane prima il presidente serbo aveva fatto infuriare Pristina visitando la stessa area. La temperatura di questo settore dell’area balcanica sta salendo

«Lavoriamo insieme per un nuovo Kosovo (…) Il Kosovo è un paese unico, indipendente e sovrano», ha dichiarato il presidente Hashim Thaci sul lago Gazivode, lago artificiale in un’area prevalentemente di etnia serba. Il presidente serbo Alexander Vucic aveva visitato il lago l’8 settembre, riporta Reuters.

Le forze di sicurezza del Kosovo, principalmente di etnia albanese, rimangono generalmente al di fuori della piccola sacca serba del nord, che il Kosovo e la Serbia si contendono. Prima della visita di Thaci, la Serbia ha accusato recentemente la polizia del Kosovo di aver preso il controllo del lago e di aver arrestato quattro operai. Il Kosovo ha detto che la polizia era lì per garantire la sicurezza della visita e nessuno è stato arrestato.

Il destino dei villaggi di etnia serba nel Kosovo settentrionale è una delle principali questioni di disaccordo tra la Serbia e il Kosovo, ex provincia serba che ha dichiarato l’indipendenza dopo che le forze serbe sono state cacciate dai bombardamenti della Nato nella guerra del 1999.

Entrambe le parti hanno detto che potrebbero accettare di scambiare il territorio del Kosovo, popolato da serbi, con il territorio serbo, popolato da albanesi. Tuttavia, le aspettative di un accordo di questo tipo si sono affievolite nelle ultime settimane dopo che l’incontro tra Thaci e Vucic è stato annullato. Vucic ha visitato l’area contesa il giorno successivo.

La Serbia sta mettendo in allerta sia l’esercito che la polizia a seguito delle azioni del Kosovo nell’area: «A causa di un attacco albanese contro il nord del Kosovo e l’arresto di alcuni serbi che non hanno commesso alcun crimine, ho ordinato al direttore della polizia di mettere tutte le unità speciali di polizia in stato di massima prontezza», ha detto il ministro degli Interni serbo Nebojsa Stefanovic.

La visita inaspettata di Thaci al nord è arrivata ore prima che i nazionalisti di etnia albanese tenessero una manifestazione nella capitale Pristina contro la volontà del presidente di discutere l’adeguamento del confine con la Serbia.

Spostare la frontiera «non è una correzione, ma un dolore e una perdita per noi», ha detto Albin Kurti, leader del partito di opposizione Vetevendosje, ad una folla di migliaia di persone alla manifestazione: «Il Kosovo non può essere diviso. Non negozieremo l’indipendenza».

Antonio Albanese