KIRGHIZISTAN. Stato di emergenza a Bishkek

44

Il presidente del Kirghizistan, Sooronbai Jeenbekov, ha dichiarato lo stato di emergenza nella capitale Bishkek, il 9 ottobre, e ha ordinato alle truppe di scendere in strada per ripristinare l’ordine. L’annuncio è arrivato sotto forma di grandi manifestazioni riunite venerdì nel quinto giorno consecutivo di proteste.

Sono scoppiati scontri tra le fazioni rivali e sono stati sparati in aria colpi d’arma da fuoco, secondo un corrispondente dell’AFP sulla scena. I leader chiave sono stati evacuati dalla zona. Lo stato di emergenza prevede un coprifuoco e severe restrizioni di sicurezza. Entrerà in vigore alle 20 di venerdì ora locale e durerà fino al 21 ottobre.

L’ufficio del presidente non ha detto quanti soldati saranno dispiegati, ma ha detto che saranno allestiti dei posti di blocco e che saranno inviati dei veicoli militari, riporta Dw. Il paese dell’Asia centrale è in stato di disordine da quando i sostenitori dell’opposizione hanno occupato gli edifici governativi nella notte tra lunedì e martedì dopo le controverse elezioni parlamentari di domenica scorsa, che sono state poi annullate.

Nelle proteste che ne sono seguite, almeno una persona è morta e centinaia sono stati feriti. Jeenbekov ha detto di essere pronto a dimettersi una volta nominato un nuovo gabinetto: «Dobbiamo riportare la situazione allo stato di diritto il più presto possibile. Dopo che le legittime autorità esecutive sono state approvate e siamo di nuovo sulla via della legalità, sono pronto a lasciare la carica di presidente della Repubblica del Kirghizistan».

La dichiarazione del presidente è stata una brusca inversione di marcia dopo giorni di politici rivali che rivendicavano posizioni di leadership. Ma ore dopo, Jeenbekov ha negato le affermazioni che potrebbe avere intenzione di dimettersi. Non si è presentato in pubblico da lunedì e non era chiaro se l’offerta di dimissioni fosse valida dopo la dichiarazione dello stato di emergenza di venerdì.

All’inizio della settimana la Russia ha invitato le forze di sicurezza a ripristinare l’ordine, descrivendo la situazione nell’ex repubblica sovietica come “caos”. Le frontiere sono state in gran parte chiuse giovedì a seguito di scontri tra polizia e manifestanti.

Non è ancora chiaro quale candidato o partito sostituirà Jeenbekov. Dopo aver costretto il governo a dimettersi e la commissione elettorale ad annullare i risultati delle elezioni parlamentari di domenica che hanno scatenato le proteste, i gruppi dell’opposizione non sono riusciti finora a trovare un accordo su chi avrebbe guidato un governo provvisorio.

Anche il parlamento uscente del Kirghizistan non ha convocato o nominato uno di almeno tre candidati premier ad interim, e alcuni deputati hanno dichiarato di temere per la loro sicurezza. Gli osservatori hanno detto che le elezioni sono state inficiate da accuse credibili di compravendita di voti.

Se Jeenbekov dovesse dimettersi, diventerebbe il terzo leader kirghiso ad essere costretto alle dimissioni dai disordini politici dopo le rivolte dei presidenti autoritari nel 2005 e nel 2010.

Anna Lotti